Testimoni di Geova Online Forum
printprint
Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 | Pagina successiva

Comando - Principio - Applicazione

Ultimo Aggiornamento: 17/10/2017 23.26
Autore
Stampa | Notifica email    
26/02/2017 12.08
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879

Ecco la mia domanda.

Quando vengo confrontato ad un comando, bisogna individuarne il principio e poi farne delle applicazioni.

Vi do un esempio

COMANDO/ Astenetevi dal sangue
PRINCIPIO / Spesse volte il principio viene individuato con la domanda Perché, Esempio Perché astenersi dal sangue? Perché il sangue e sacro e santo agli occhi di Geova

PRINCIPIO/ sangue sacro e santo

APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO/ Astenersi della trasfusione di sangue.

PRIMA DOMANDA/ A volte sentiamo da alcuni, che il principio è di astenersi dal sangue.
Perché diciamo che è un principio se in realtà si tratta di un comando?

SECONDA DOMANDA

Non riesco ad individuare leggendo la bibbia, se si tratta di un principio o di un comando.

Come fare?

Per esempio io leggo "purificatevi da ogni contaminazione"

Si tratta di un comando o un principio?

Questo è un esempio tra tanti.

Come faccio quando leggo la sacra scrittura ad indivuare se si tratta di un comando o un principio?

Vi ringrazio come sempre
[Modificato da erevnitis 26/02/2017 12.11]
Chi passa di qui??? Oasi Forum91 pt.18/10/2017 21.24 by Mala.ma
Gioco di associazione di parole Ipercaforum89 pt.18/10/2017 21.48 by their
Lavinia SpingardiTELEGIORNALISTE FANS FORU...58 pt.18/10/2017 22.33 by @picpus@
26/02/2017 12.52
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 325
Città: GENOVA
Età: 45
TdG
Generalmente un principio non è vincolato da applicazioni pragmatiche o temporali, esso vige in quanto tale e lo spettro d'azione abbraccia tutta l'esistenza. La violazione di un principio spesso non comporta conseguenze dirette per la sua mancata applicazione, ma può portare vesso l'infrazione di un comando o di una legge, che al contrario è specifica e limitata.

Il consiglio di Gerusalemme diede dei comandi: astenersi dal sangue, dalla fornicazione e dalle cose sacrificate agli idoli. Sono comandi specifici e limitati così come è la natura di una legge.

"Purificarsi da ogni contaminazione" invece non è specifico e il suo spettro d'azione copre un'ampia gamma d'attività. Chi decide cosa è contaminato? I comandi in primis, ma i comandi per loro natura sono localizzati e specifici per cui occorre esercitare le proprie facoltà di percezione per distinguere il bene dal male ed applicare personalmente ciò che il principio suggerisce anche laddove non esista una specifica legge o comando.
27/02/2017 23.25
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 434
Città: MILANO
Età: 77
Una definizione di principio è “verità generale o fondamentale: legge, dottrina o proposizione generale e fondamentale sulla quale se ne basano altre o dalla quale ne discendono altre”. (Webster’s Third New International Dictionary)

Dunque, un principio è una verità fondamentale ed è alla base di certe leggi. Le leggi, però, possono cambiare e tendono a essere specifiche. I princìpi, invece, sono ampi e possono durare per sempre.

Come ben diceva Dante, "astenetevi dal sangue" è un comando o legge.

Perché dunque sentiamo dire che "astenetevi dal sangue" è anche un principio?

Perché come riportava quel dizionario, il termine principio può significare anche legge.
Rivediamo insieme la definizione: “verità generale o fondamentale: legge, dottrina o proposizione generale e fondamentale sulla quale se ne basano altre o dalla quale ne discendono altre”.

Dunque la conclusione è chiara. Se da una legge ne derivano altre, o su quella legge se ne basano altre, allora quella non è solo una legge ma diventa anche un principio.

Quindi anche se è una legge, in un certo senso è anche un principio, nel senso che è il criterio (o principio) con cui stabilisci per esempio di non accettare l'emotrasfusione.

Ecco perché a volte si fa confusione su questo termine..

I termini "principio" e "legge" hanno un loro significato principale e un loro significato secondario. Per discernere in che senso il nostro interlocutore usa questi termini dobbiamo conoscere entrambi i significati di entrambi i termini.

Per esempio "amare il prossimo" è un principio..

Eppure in Giacomo 2:8 viene chiamata legge regale: "Se, ora, voi praticate l’adempimento della legge regale secondo la scrittura: “Devi amare il tuo prossimo come te stesso”, fate molto bene."


28/02/2017 09.38
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 3.857
Moderatore
Re:
erevnitis, 26/02/2017 12.08:




COMANDO/ Astenetevi dal sangue
PRINCIPIO / Spesse volte il principio viene individuato con la domanda Perché, Esempio Perché astenersi dal sangue? Perché il sangue e sacro e santo agli occhi di Geova

PRINCIPIO/ sangue sacro e santo

APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO/ Astenersi della trasfusione di sangue.

PRIMA DOMANDA/ A volte sentiamo da alcuni, che il principio è di astenersi dal sangue.
Perché diciamo che è un principio se in realtà si tratta di un comando?



Il principio ci consente di aver chiaro, ad ampio raggio, il pensiero di Dio al riguardo e, la legge (specifica nel tempo e nel contesto) ci aiuta a rispettate tale principio che resta eterno. Il comando può cambiare in virtù di nuove circostanze e situazioni.

Allargo il pensiero: il comando riportato sul cartello "non oltrepassare la linea gialla" è stato rimosso dalla mia Banca e sostituito da un erogatore di numeri che determina l'ordine di arrivo e consente ai clienti di attendere comodamente seduti l'arrivo del proprio turno. Il principio "ordine e rispetto" è inalterato, sono cambiate le direttive o i 'comandi' per ottenere identico risultato.

Prima che la scienza medica optasse per la trasfusione di plasma in sostituzione del salasso, il cristiano, consapevole del comando "astenetevi" legato al principio di sacralità, evitava anche tale uso illecito del tessuto liquido.

Proviamo ad immaginare che, un giorno, venga realizzata una compressa di colore bianco che ricopre al suo interno una modesta quantità di sangue iperconcentrato: che farà il cristiano, conscio del principio 'astenetevi'? Non si lascerà ingannare dalle accattivanti apparenze della compressa di nuova generazione e ricorderà immediatamente la legge legata al principio di sacralità.
04/03/2017 19.52
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879


I termini "principio" e "legge" hanno un loro significato principale e un loro significato secondario.

Dunque, un principio è una verità fondamentale ed è alla base di certe leggi. Le leggi, però, possono cambiare e tendono a essere specifiche. I princìpi, invece, sono ampi e possono durare per sempre. 




Come significato principale ho trovato questo riportato in una torre di guardia. Molto interessante sul fatto di discernere i princìpi e poi applicarli in ogni situazione della nostra vita.

9 Discernere e applicare i princìpi biblici non è così facile come seguire un insieme di leggi. Essendo imperfetti potremmo essere restii a fare lo sforzo necessario per ragionare in termini di princìpi. Di fronte a una decisione o a un dilemma, potremmo trovare più comodo seguire una regola. A volte potremmo rivolgerci a un cristiano maturo, forse un anziano di congregazione, aspettandoci che ci indichi una regola valevole nella nostra situazione. Forse però la Bibbia o le pubblicazioni bibliche non contengono una regola precisa, e anche se ci fosse, la regola potrebbe non valere in ogni tempo e in ogni circostanza.

Riguardo al significato secondario


Per esempio "amare il prossimo" è un principio.. 

Eppure in Giacomo 2:8 viene chiamata legge regale: "Se, ora, voi praticate l’adempimento della legge regale secondo la scrittura: “Devi amare il tuo prossimo come te stesso”, fate molto bene." 



La mia domanda è questa: Sul significato secondario, tutte le leggi possono essere chiamate princìpi?
Tutti i princìpi possono essere chiamate leggi? In poche parole , come significato secondario i due termini sono intercambiabili?
06/03/2017 23.11
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 434
Città: MILANO
Età: 77
1 ) Principio: verità fondamentale ed eterna.

Esempi di queste verità fondamentali ed eterne sono:

- La vita appartiene a Dio (Salmo 36:9)
- Il Creatore ha autorità sulla creazione (Isaia 29:16)
- Geova è un Dio di santità (Rivelazione 4:8)
ecc..

Questi menzionati sono principi nel vero senso della parola, sono verità fondamentali ed eterne.




2) A volte si riscontra che alcune leggi o comandi sono ampi. Essi diventano il criterio mediante il quale stabilisci di fare o non fare una determinata cosa che il comando non dice espressamente.

E' il caso del comando di cui si parlava nel post precedente cioè "astenetevi dal sangue". E' il criterio (o principio) con cui stabilisci per esempio di non accettare l'emotrasfusione.

Quando si verificano queste condizioni tali comandi o leggi possono essere chiamati anche principi, non ovviamente nel senso di verità fondamentale ed eterna.



In base al contesto probabilmente ti capiterà di notare che a volte il termine principio viene usato nel senso 1, a volte nel senso 2.
07/03/2017 21.14
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Re:




2) A volte si riscontra che alcune leggi o comandi sono ampi. Essi diventano il criterio mediante il quale stabilisci di fare o non fare una determinata cosa che il comando non dice espressamente.

E' il caso del comando di cui si parlava nel post precedente cioè "astenetevi dal sangue". E' il criterio (o principio) con cui stabilisci per esempio di non accettare l'emotrasfusione.

Quando si verificano queste condizioni tali comandi o leggi possono essere chiamati anche principi, non ovviamente nel senso di verità fondamentale ed eterna.



Stupendo, grazie di cuore
14/03/2017 14.53
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 434
Città: MILANO
Età: 77
erevnitis, 04/03/2017 19.52:


Discernere e applicare i princìpi biblici non è così facile come seguire un insieme di leggi. Essendo imperfetti potremmo essere restii a fare lo sforzo necessario per ragionare in termini di princìpi. Di fronte a una decisione o a un dilemma, potremmo trovare più comodo seguire una regola. A volte potremmo rivolgerci a un cristiano maturo, forse un anziano di congregazione, aspettandoci che ci indichi una regola valevole nella nostra situazione. Forse però la Bibbia o le pubblicazioni bibliche non contengono una regola precisa, e anche se ci fosse, la regola potrebbe non valere in ogni tempo e in ogni circostanza.




Benefici derivanti dal conoscere i principi biblici

Conoscere bene una persona aiuta a capire cosa probabilmente avrebbe fatto in una data circostanza, non perché l'abbiamo vista affrontare quella specifica circostanza..ma perché conosciamo bene i criteri (o principi) che usa per decidere..

In maniera simile conoscere meglio Geova e suo figlio Gesù tramite i principi biblici ci permette di conoscere la sua mente, la mente di Cristo (1 Corinti 2:16) Più conosciamo i principi biblici, più possiamo dedurre cosa avrebbe fatto Gesù al nostro posto.

Inoltre, farsi guidare dai principi genera un'ubbidienza di cuore.
Si può ubbidire a una legge di malavoglia, forse solo per non incappare in una sanzione. Ubbidire a un principio, invece, non consente un atteggiamento del genere, perché è nella natura stessa dei principi che chi li segue lo faccia di cuore.

Infine, conoscere bene i principi biblici ci permette di sapere se un insegnamento ha il 'sapore' della verità o della menzogna.
[Modificato da The.Witness 14/03/2017 14.59]
02/10/2017 21.26
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Comunque mi rimangono delle domande!!
Faro alcuni esempi per completare il mio intendimento al riguardo.

1 - Nei comandi e nei principi subentra sempre un certo margine dove subentra la coscienza tranne quelli in cui sono molto formali come quelli per esempio in cui lo stato stabilisce leggi.

Diventa praticamente egli la nostra coscienza, lui stabilisce cosa è furto e cosa si puo fare e cosa non si puo fare senza nessun margine.

""Date a cesare le cose di Cesare"

Che dite?


[Modificato da erevnitis 02/10/2017 21.27]
02/10/2017 22.19
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Voglio dire tutto quello che stabilisce lo stato, dato che la bibbia dice "date a cesare le cose di cesare" se non si ubbidisce ovviamente dal momento che non si oppone a Geova Dio, dovrebbe essere peccato.

Sto parlando di tasse, leggi stradali sulla velocità, leggi su tutto direi. Non siamo più di fronte a principi oppure leggi in cui c'è sempre un margine di coscienza.

Lo stato decide e se lui non tollera determinate cose moi dovremmo ubbidire altrimenti c'è peccato!!

Poi ovviamente se tollera determinate cose anche se ci sono delle leggi stabilte sta alla coscienza di ognuno di noi mentre se non tollera non ci rimane che ubbidire.

Mi sembra di capire questo perché siamo di fronte ad un comando molto formale.
[Modificato da erevnitis 02/10/2017 22.22]
02/10/2017 22.24
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 23.350
Città: ANCONA
Età: 59
TdG
Re:
erevnitis, 02/10/2017 22.19:



Lo stato decide e se lui non tollera determinate cose moi dovremmo ubbidire altrimenti c'è peccato!!





scusami se magari posso aver frainteso, ma il servizio militare?
Dobbiamo ubbidire anche a quello?


-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
02/10/2017 22.31
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Caro Aquila come dicevo nel post 10 tutto quello che non va in contrasto con le leggi di Dio.
Quindi ovviamente il servizio militare contrasta con il volere di Geova.
"Dobbiamo ubbidire a Dio anziché gli uomini"

Che dici su quello che non contrasta ?
E peccato?
[Modificato da erevnitis 02/10/2017 22.36]
02/10/2017 22.42
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 23.350
Città: ANCONA
Età: 59
TdG
Re:
erevnitis, 02/10/2017 22.31:

Caro Aquila come dicevo nel post 10 tutto quello che non va in contrasto con le leggi di Dio.
Quindi ovviamente il servizio militare contrasta con il volere di Geova.
"Dobbiamo ubbidire a Dio anziché gli uomini"

Che dici su quello che non contrasta ?
E peccato?




se disobbediamo a una legge dello Stato che non contrasta con quella Divina, è come se andassimo contro l' autorità costituita che è posta nella sua posizione da Dio, quindi ne riceveremo giudizio, sulla base di Romani 13:1-2


[Modificato da Aquila-58 02/10/2017 22.44]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
02/10/2017 22.53
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Quindi concordi che dal momento che decide una cosa dovremmo avere sottomissione questo vorrebbe dire che se la legge dice di andare a 90 km/orari se andiamo a 100 oppure 110 nonostante vediamo questa nostra velocità se non l'abbassiamo siamo anche di fronte ad un peccato volontario(non parlero del peccato contro lo spirito santo).

Andiamo avanti con il discorso

Nella bibbia si dice che le donne devono essere "sottomesse ai mariti in ogni cosa".

Il marito prende una decisione, la moglie non è d'accordo, il marito ascolta sua moglie ma egli rimane pur sempre nella sua decisione.

Anche qui siamo di fronte ad un comando molto formale, il marito che decide per la moglie ma questo discorso si estende anche per i figli con i genitori.

Se la moglie non ascolta comette peccato ?
Anche qui non mi sembra che ci sia un margine riguardo alla coscienza.
[Modificato da erevnitis 02/10/2017 22.55]
02/10/2017 23.01
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 23.350
Città: ANCONA
Età: 59
TdG
Re:
erevnitis, 02/10/2017 22.53:

Quindi concordi che dal momento che decide una cosa dovremmo avere sottomissione questo vorrebbe dire che se la legge dice di andare a 90 km/orari se andiamo a 100 oppure 110 nonostante vediamo questa nostra velocità se non l'abbassiamo siamo anche di fronte ad un peccato volontario(non parlero del peccato contro lo spirito santo).

Andiamo avanti con il discorso

Nella bibbia si dice che le donne devono essere "sottomesse ai mariti in ogni cosa".

Il marito prende una decisione, la moglie non è d'accordo, il marito ascolta sua moglie ma egli rimane pur sempre nella sua decisione.

Anche qui siamo di fronte ad un comando molto formale, il marito che decide per la moglie ma questo discorso si estende anche per i figli con i genitori.

Se la moglie non ascolta comette peccato ?
Anche qui non mi sembra che ci sia un margine riguardo alla coscienza.




essere sottomesse, per la moglie cristiana, non significa che debba decidere sempre il marito......anche se eravamo in epoca precristiana, ricordiamoci di Sara che decise la sorte di Ismaele e Dio disse ad Abraamo di ascoltarla (Genesi 21:10-12)...
[Modificato da Aquila-58 02/10/2017 23.04]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
02/10/2017 23.12
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Re: Re:
Aquila-58, 02/10/2017 23:01:




essere sottomesse, per la moglie cristiana, non significa che debba decidere sempre il marito......anche se eravamo in epoca precristiana, ricordiamoci di Sara che decise la sorte di Ismaele e Dio disse ad Abraamo di ascoltarla (Genesi 21:10-12)...




Ma e Dio che dice ad Abraamo di ascoltare Sara, l'autorità superiore (non parlo del fatto che Sara per altro chiama suo marito mio signore, che vuol dire mio proprietario o mio padrone in cui i biblisti dicono cose che si possono condividere o meno legate alla cultura di allora), ma qui siamo di fronte ad una legge molto formale che in ultima analisi decide il marito.

Perche dovresti essere sottomesso a Cesare su ogni cosa e la moglie non al marito, non è Geova che chiede sottomissione alla moglie per ogni cosa come i figli ai genitori?

Ovviamente il marito tiene conto dei sentimenti della moglie ma la decisione ultima spetta a lui e Geova richiede sottomissione da parte della moglie, se non ubbidisce scritturalmente mi sembra che commetta peccato.





[Modificato da erevnitis 02/10/2017 23.14]
02/10/2017 23.17
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 23.350
Città: ANCONA
Età: 59
TdG
Re: Re: Re:
erevnitis, 02/10/2017 23.12:




Ma e Dio che dice ad Abraamo di ascoltare Sara, l'autorità superiore (non parlo del fatto che Sara per altro chiama suo marito mio signore, che vuol dire mio proprietario o mio padrone in cui i biblisti dicono cose che si possono condividere o meno legate alla cultura di allora), ma qui siamo di fronte ad una legge molto formale che in ultima analisi decide il marito.

Perche dovresti essere sottomesso a Cesare su ogni cosa e la moglie non al marito, non è Geova che chiede sottomissione alla moglie per ogni cosa come i figli ai genitori?

Ovviamente il marito tiene conto dei sentimenti della moglie ma la decisione ultima spetta a lui e Geova richiede sottomissione da parte della moglie, se non ubbidisce scritturalmente mi sembra che commetta peccato.









ovvio che se la moglie e i figli non sono sottomessi al marito e padre, scritturalmente si comportano in maniera che Dio disapprova, su questo non ci piove....

-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
02/10/2017 23.20
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Quindi concordi che la decisione ultima la prende il marito e se la moglie non ubbidisce commette peccato?

Esattamente come i figli con i genitori?

[Modificato da erevnitis 02/10/2017 23.20]
02/10/2017 23.23
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 23.350
Città: ANCONA
Età: 59
TdG
Re:
erevnitis, 02/10/2017 23.20:

Quindi concordi che la decisione ultima la prende il marito e se la moglie non ubbidisce commette peccato?

Esattamente come i figli con i genitori?





incappano nella disapprovazione divina, fermo restando - ovviamente -
che in alcuni casi il marito può accettare la decisione della moglie, quando è il caso....

Ti saluto, vado a nanna


[SM=g7367]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
02/10/2017 23.30
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 879
Quindi mentre nei principi della bibbia e i comandi c'è sempre un margine riguardo alla coscienza.

Riguardo alle leggi di cesare questo margine svanisce la stessa cosa avviene con la moglie riguardo al marito e identica situazione per i figli riguardo i genitori.

Sono tre comandi molto formali in cui per sapere l'esatezza del comando basta riferirsi alle autorità costituite mentre diversa e la situazione con i principi e i comandi di Dio in cui ognuno di noi puo avere un intendimento diverso nel senso di cosa intendeva dire Geova Dio o cosa intendeva dire l'apostolo Paolo e molto difficile stabilirlo.

Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 00.01. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com