Testimoni di Geova Online Forum
printprint
Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 | Pagina successiva

I doni dello spirito santo

Ultimo Aggiornamento: 25/05/2017 09.44
Autore
Stampa | Notifica email    
10/05/2017 09.08
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Apro questa discussione dato che siamo andati OT nell'altra.
Vedi I-gua che come alla fine le pubblicazioni affermano che con la morte degli apostoli cessano i doni dello Spirito Santo?
Infatti nel link che hai postato si legge:
"Evidentemente con la morte degli apostoli non si trasmisero più i doni dello spirito, e tali doni miracolosi cessarono completamente quando coloro che li avevano ricevuti scomparvero dalla scena terrestre." DONI DI DIO -biblioteca online JW
Questa tesi secondo me non ha nulla di scritturale, anzi è totalmente contrario a quello che dice il NT.
[Modificato da Aldo_evangelico 10/05/2017 09.09]
CalciomercatoSenza Padroni Quindi Roma...90 pt.27/06/2017 20.49 by Giacomo(fu Giacomo)
Katy Perry: “Sono una narratrice di storie. E per farlo scelgo colori pop”80 pt.27/06/2017 22.31 by (SimonLeBon)
Chi passa di qui??? saluti n. 4Oasi Forum74 pt.27/06/2017 19.20 by possum jenkins
10/05/2017 10.07
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Re:
Aldo_evangelico, 10.05.2017 09:08:

Apro questa discussione dato che siamo andati OT nell'altra.
Vedi I-gua che come alla fine le pubblicazioni affermano che con la morte degli apostoli cessano i doni dello Spirito Santo?
Infatti nel link che hai postato si legge:
"Evidentemente con la morte degli apostoli non si trasmisero più i doni dello spirito, e tali doni miracolosi cessarono completamente quando coloro che li avevano ricevuti scomparvero dalla scena terrestre." DONI DI DIO -biblioteca online JW
Questa tesi secondo me non ha nulla di scritturale, anzi è totalmente contrario a quello che dice il NT.




Ciao Aldo,

prima di iniziare l'ennesima ""discussione"" mettiamo ben in chiaro delle cose.

tu hai detto:


Le pubblicazioni dicono che lo Spirito Santo non agisce più dopo la morte degli apostoli.



cosa cambia dal falso assunto che tu hai attribuito INDEBITAMENTE "alle pubblicazioni"(!!!)

rispetto all'insegnamento ufficiale dei tdG?

e non dire che è Aquila che ha affermato queste sciocchezze. Aquila ha detto ben altro.

Non dare la colpa ad altri, è infantile!

se non riesci a chiarire questo punto, comprendere la grande e sostanziale differenza, inutile andare avanti.

resto in attesa,

[SM=g1871112]


I-gua


[Modificato da I-gua 10/05/2017 10.09]
10/05/2017 10.30
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Come detto lo Spirito Santo agisce elargendo i suoi doni.
Tu conosci altri modi con cui agisce lo Spirito?
Quindi dire che non elargisce più i suoi doni significa che non agisce più per me.
Tu che dici?
10/05/2017 10.35
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 24.389
Città: MILANO
Età: 46
TdG
Re:
Aldo_evangelico, 10/05/2017 10:30:

Come detto lo Spirito Santo agisce elargendo i suoi doni.
Tu conosci altri modi con cui agisce lo Spirito?
Quindi dire che non elargisce più i suoi doni significa che non agisce più per me.
Tu che dici?



Caro Aldo_evangelico,
se leggessi e conoscessi davvero le nostre pubblicazioni, sapresti che citano in quantità industriale questo versetto:

(Galati 5:22-24) “22 D’altra parte, il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, longanimità, benignità, bontà, fede, 23 mitezza, padronanza di sé. Contro tali cose non c’è legge. 24 Inoltre, quelli che appartengono a Cristo Gesù hanno messo al palo la carne con le sue passioni e i suoi desideri.”

e che sostengono l'azione continua dello spirito fino ad oggi.

Ti stai fabbricando l'ennesimo "uomo di paglia" per far perdere tempo a tutti?

Simon
10/05/2017 10.43
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Re:
Aldo_evangelico, 10.05.2017 10:30:

Come detto lo Spirito Santo agisce elargendo i suoi doni.
Tu conosci altri modi con cui agisce lo Spirito?
Quindi dire che non elargisce più i suoi doni significa che non agisce più per me.
Tu che dici?



dico che se non metti in chiaro questo punto, è inutile discutere.


Lo spirito santo che emana da Geova Dio non ha limiti.

LO SPIRITO SANTO NON è UNA PERSONA SPIRITUALE, è la forza divina in azione per compiere la volontà del Padre.

tu chiedesti qualche cosa di simile: se lo spirito santo non è una persona che Gesù invia a destra e a manca, com’è possibile allora che Dio riesca a estendere il suo raggio di azione ovunque?

Dio può mandare dappertutto nell’universo il suo spirito santo, ovvero la sua potenza all’opera. Come un padre tende la mano per consolare e incoraggiare il figlio, Dio ci tende la mano usando lo spirito santo per adempiere il suo proposito. — Salmo 104:30; 139:7.

Spirito santo. Dio impartisce il suo spirito ai suoi servitori come un dono, che permette loro di evitare le degradanti opere della carne e di coltivare invece i frutti dello spirito, cioè amore, gioia, pace, longanimità, benignità, bontà, fede, mitezza e padronanza di sé. (At 2:38; Ro 8:2-10; Gal 5:16-25) Lo spirito di Geova è una guida sicura e infonde potenza oltre ciò che è normale, aiutando il cristiano ad assolvere gli incarichi ricevuti da Dio nonostante le pressioni a cui è sottoposto. (Gv 16:13; 2Co 4:7-10) Gesù assicurò ai suoi discepoli che lo spirito di Dio avrebbe insegnato loro ogni cosa, avrebbe richiamato alla loro mente le cose che egli aveva insegnato loro, e li avrebbe aiutati a parlare in propria difesa anche davanti ai governanti. — Gv 14:26; Mr 13:9-11.

Sapienza e conoscenza. La vera sapienza e conoscenza sono doni di Dio. Geova in effetti invita i suoi servitori a pregare per avere sapienza e conoscenza, come fece Salomone. (Gc 1:5; 2Cr 1:8-12) Tuttavia, per acquistare conoscenza, è necessario fare uno sforzo e studiare quello che Dio ha reso disponibile mediante il dono della sua Parola. (Pr 2:1-6; 2Tm 2:15; 3:15) Ma lo studio della Parola di Dio di per sé non garantisce che si ricevano i doni di conoscenza e sapienza. Vera conoscenza e sapienza si possono ottenere solo per mezzo di Gesù Cristo e con l’aiuto dello spirito di Dio. — 1Co 2:10-16; Col 2:3.
[Modificato da I-gua 10/05/2017 10.53]
10/05/2017 10.51
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Re: Re:
(SimonLeBon), 10/05/2017 10.35:



Caro Aldo_evangelico,
se leggessi e conoscessi davvero le nostre pubblicazioni, sapresti che citano in quantità industriale questo versetto:

(Galati 5:22-24) “22 D’altra parte, il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, longanimità, benignità, bontà, fede, 23 mitezza, padronanza di sé. Contro tali cose non c’è legge. 24 Inoltre, quelli che appartengono a Cristo Gesù hanno messo al palo la carne con le sue passioni e i suoi desideri.”

e che sostengono l'azione continua dello spirito fino ad oggi.

Ti stai fabbricando l'ennesimo "uomo di paglia" per far perdere tempo a tutti?

Simon


Benissimo. Non si capisce quindi perché i frutti continuano ad esserci, mentre i doni sono scomparsi con la morte degli apostoli.

10/05/2017 10.56
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Re: Re:

Ma lo studio della Parola di Dio di per sé non garantisce che si ricevano i doni di conoscenza e sapienza. Vera conoscenza e sapienza si possono ottenere solo per mezzo di Gesù Cristo e con l’aiuto dello spirito di Dio. — 1Co 2:10-16; Col 2:3


Quanto mi piaci quando dici la Verità [SM=x1408424]
Benissimo, quindi il dono della conoscenza continua ad essere elargito dalla Spirito Santo, quindi le pubblicazioni dicono il falso quando affermano che sono cessati con la morte degli apostoli. [SM=g27987]

10/05/2017 11.03
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Re: Re: Re:
Aldo_evangelico, 10.05.2017 10:51:


Benissimo. Non si capisce quindi perché i frutti continuano ad esserci, mentre i doni sono scomparsi con la morte degli apostoli.




Tutti i doni che vengono dall'Altissimo sono buoni, appropriati sia per la persona che li riceve, sia per l'epoca in cui vive... SEMPRE IN RELAZIONE AL PROPOSITO DIVINO. Quando parliamo dei DONI DELLO SPIRITO concessi nel I secolo, nell'epoca in cui la Bibbia non era ancora stata completata e l'insegnamento era orale... con il dono di Parola di conoscenza e fede, in maniera miracolosa i discepoli ricevevano tutta la SACRA CONOSCENZA che era da trasmettere nell'opera di predicazione, per lo stesso motivo di divulgazione e di educazione alcuni di loro ricevettero il dono di parlare in lingue a loro sconosciute prima, MA PERFETTAMENTE INTELLEGIBILI E COMPRENSIBILI dai loro uditori... senza bisogno di interpreti!

questo permise loro di passare da una CONOSCENZA DI BASE, a una CONOSCENZA APPROFONDITA e di comunicare questo dono di Dio per l'Umanità, che è la Parola.

All'epoca questi doni sono stati NECESSARI PER ADEMPIERE I PROPOSITI DIVINI IN QUELL'EPOCA SPECIFICA, IN QUELLE CONDIZIONI, CON QUEI MEZZI A DISPOSIZIONE.. CHE ERANO POI I DISCEPOLI, I PIONIERI DEL CRISTIANESIMO...




“Parola di conoscenza” e “fede”. Nella congregazione cristiana del I secolo tutti avevano una conoscenza di base concernente Geova e suo Figlio e anche la volontà di Dio e le sue esigenze per la vita. Perciò la “parola di conoscenza” era qualcosa che andava oltre la conoscenza posseduta dai cristiani in generale: era una conoscenza miracolosa. Similmente la “fede” come dono dello spirito doveva essere una fede miracolosa che permetteva di superare ostacoli simili a montagne che altrimenti avrebbero intralciato il servizio che si rendeva a Dio. — 1Co 12:8, 9; 13:2.




Doni dello spirito.
Nel I secolo E.V. il battesimo con lo spirito santo era accompagnato da doni miracolosi. Questi servivano come segni indicanti che Dio non usava più nel suo servizio la congregazione ebraica, ma che aveva dato la sua approvazione alla congregazione cristiana stabilita da suo Figlio. (Eb 2:2-4)




Compiere opere apparentemente miracolose non sarebbe stata di per sé una prova di autorizzazione divina, né l’incapacità di alcuni servitori di Dio di compiere miracoli con l’aiuto dello spirito di Dio avrebbe messo in dubbio il fatto che venivano impiegati da lui. (Mt 7:21-23) Non tutti i cristiani del I secolo potevano compiere opere potenti, sanare infermi, parlare in lingue e tradurre. Paolo, e senza dubbio altri, ebbero per immeritata benignità di Dio alcuni di questi doni dello spirito. Comunque questi doni miracolosi contrassegnarono l’infanzia della congregazione cristiana e fu predetto che sarebbero cessati. Infatti anche Gesù spiegò che i suoi seguaci non sarebbero stati identificati dalle loro opere potenti, ma dall’amore reciproco. — 1Co 12:29, 30; 13:2, 8-13; Gv 13:35.

[Modificato da I-gua 10/05/2017 11.26]
10/05/2017 11.09
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Re: Re: Re:
Aldo_evangelico, 10.05.2017 10:56:


Ma lo studio della Parola di Dio di per sé non garantisce che si ricevano i doni di conoscenza e sapienza. Vera conoscenza e sapienza si possono ottenere solo per mezzo di Gesù Cristo e con l’aiuto dello spirito di Dio. — 1Co 2:10-16; Col 2:3


Quanto mi piaci quando dici la Verità [SM=x1408424]
Benissimo, quindi il dono della conoscenza continua ad essere elargito dalla Spirito Santo, quindi le pubblicazioni dicono il falso quando affermano che sono cessati con la morte degli apostoli. [SM=g27987]






Il vero intendimento.
Chi cerca vero intendimento rivolge a Dio la preghiera: “Fammi comprendere, affinché io osservi la tua legge e . . . la custodisca con tutto il cuore . . . affinché io continui a vivere”. (Sl 119:34, 144, e anche i vv. 27, 73, 125, 169) Questo è il motivo giusto. L’apostolo Paolo pregò che i cristiani di Colosse fossero “pieni dell’accurata conoscenza della . . . volontà [di Dio] in ogni sapienza e discernimento [forma di sỳnesis] spirituale, per camminare in modo degno di Geova”. — Col 1:9, 10.

Età ed esperienza sono fattori naturali che possono aiutare ad accrescere l’intendimento. (Gb 12:12) Ma l’età e l’esperienza da sole non sono i fattori determinanti. I confortatori di Giobbe si vantavano dell’intendimento che avevano loro e i loro amici d’età avanzata, ma furono ripresi da Eliu che era più giovane. (Gb 15:7-10; 32:6-12) Geova, l’“Antico di Giorni” (Da 7:13), ha un intendimento infinitamente superiore a quello di tutto il genere umano, i cui giorni ammontano solo a poche migliaia d’anni e che non sa neanche come si è formato il pianeta su cui vive. (Gb 38:4-13, 21) Quindi la scritta Parola di Dio è il principale mezzo per acquistare intendimento. — Sl 119:130.

10/05/2017 11.12
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37

1Corinzi 13:8

L'amore non viene mai meno; ma le profezie saranno abolite, le lingue cesseranno e la conoscenza sarà abolita,




Cosa significa, in questo caso "LA CONOSCENZA SARÀ ABOLITA"?

Ci sarà un momento che i servitori di Dio diverranno ignoranti?

quando?

è possibile?

oppure a cosa si riferiva, esattamente, Paolo?

E SOPRATUTTO...

COME CONCILIARE 1 CORINZI 13:18 CON DANIELE 12:4???


LA VERA CONOSCENZA DIVERRÀ ABBONDANTE”, prediceva il libro biblico di Daniele. Quando sarebbe accaduto questo? Durante il “tempo della fine”. (Daniele 12:4)
[Modificato da I-gua 10/05/2017 11.22]
10/05/2017 11.24
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Re: Re: Re: Re:

Tutti i doni che vengono dall'Altissimo sono buoni, appropriati sia per la persona che li riceve, sia per l'epoca in cui vive... SEMPRE IN RELAZIONE AL PROPOSITO DIVINO. Quando parliamo dei DONI DELLO SPIRITO concessi nel I secolo, nell'epoca in cui la Bibbia non era ancora stata completata e l'insegnamento era orale... con il dono di Parola di conoscenza e fede, in maniera miracolosa i discepoli ricevevano tutta la SACRA CONOSCENZA che era da trasmettere nell'opera di predicazione, per lo stesso motivo di divulgazione e di educazione alcuni di loro ricevettero il dono di parlare in lingue a loro sconosciute prima, MA PERFETTAMENTE INTELLEGIBILI E COMPRENSIBILI dai loro uditori.

questo permise loro di passare da una CONOSCENZA DI BASE, a una CONOSCENZA APPROFONDITA e di comunicare questo dono di Dio per l'Umanità, che è la Parola.


I-gua scusami, ma perché non hai il minimo spirito critico verso quello che dicono le pubblicazioni?
Se il dono della conoscenza (delle cose di Dio in base a 1 Cor.2) proviene dallo Spirito Santo e questo dono è di fondamentale importanza per leggere quindi la Bibbia, com'è possibile che sia scomparso con la morte degli apostoli?
Se leggi appunto i doni dello Spirito (1 Cor. 12) ti accorgi che la conoscenza rientra tra questi.
Quindi se per un cristiano è fondamentale ricevere l'aiuto dello Spirito attraverso i suoi doni, non si capisce come oggi non si possa più parlare dei suoi doni.




10/05/2017 11.32
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Caro Aldo,

io sono ipercritico, e polemico per giunta.

se ti faccio un copia-incolla per esporre argomenti dottrinali è perché prima di aderire a questi (se già non aderivo da me) li ho provati e comprovati con esperienza e studio delle Scritture.

e quindi li difendo per questo motivo.

tu confondi il dono di conoscenza, che è stato concesso ai discepoli del primo secolo e che (come è avvenuto) come dice PAOLO in 1 Corinzi 13:8

con la conoscenza e l'intendimento delle Scritture.

entrambi sono doni di Dio.


QUALE è LA DIFFERENZA?
elementi di risposta ti sono già stati dati citando insegnamenti e dottrine tdG, proprio sopra.

ma tu hai letto attentamente, capito, CONOSCIUTO quanto riportato?
Hai pregato Dio per darti intendimento?

quindi per andare avanti occorre capire questo APPARENTE paradosso, non si può evitare:


Cosa significa, in questo caso "LA CONOSCENZA SARÀ ABOLITA"?

Ci sarà un momento che i servitori di Dio diverranno ignoranti?

quando?

è possibile?

oppure a cosa si riferiva, esattamente, Paolo?

E SOPRATUTTO...

COME CONCILIARE 1 CORINZI 13:18 CON DANIELE 12:4???

“LA VERA CONOSCENZA DIVERRÀ ABBONDANTE”, prediceva il libro biblico di Daniele. Quando sarebbe accaduto questo? Durante il “tempo della fine”. (Daniele 12:4)



[Modificato da I-gua 10/05/2017 11.34]
10/05/2017 11.34
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 46.776
Moderatore
Dipende proprio da cosa si intende per conoscenza in questo contesto, la conoscenza di Dio? Delle Scritture? Un accesso diretto alla conoscenza posseduto da alcuni discepoli in modo sovrannaturale? Una conoscenza parziale che sarebbe stata sostituita da quella completa che oggi possediamo grazie a "tutta la parola" ispirata?

Shalom
[Modificato da barnabino 10/05/2017 11.42]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
10/05/2017 11.40
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Re:
Aldo_evangelico, 10.05.2017 10:30:

Come detto lo Spirito Santo agisce elargendo i suoi doni.
Tu conosci altri modi con cui agisce lo Spirito?
Quindi dire che non elargisce più i suoi doni significa che non agisce più per me.
Tu che dici?




Adesso, hai capito alcuni modi in cui agisce YAH, il Santo, lo Spirito?

o pensi ancora che lo spirito santo sia una terza persona spirituale inviata fisicamente dal Padre o dal Figlio a distribuire doni da una parte all'altra come Babbo Natale?

perché dire che i doni dello spirito santo concessi ai discepoli nel primo secolo sono CESSATI (in accordo con 1 Corinzi) NON EQUIVALE a dire che lo spirito di Dio non agisce più?


[SM=g1871112]
[Modificato da I-gua 10/05/2017 11.41]
10/05/2017 11.52
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
ONLINE
Post: 24.389
Città: MILANO
Età: 46
TdG
Re:
Aldo_evangelico, 10/05/2017 10:51:


Benissimo. Non si capisce quindi perché i frutti continuano ad esserci, mentre i doni sono scomparsi con la morte degli apostoli.




Devresti meglio dire: "Non capisco" e non "Non si capisce".
I "doni" erano caratteristici del periodo apostolico e scomparvero con loro.

O forse tu sei dell'idea che gli apostoli ebbero degli eredi e che il papa era il loro capo?

Simon
10/05/2017 11.53
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
I-gua, 10.05.2017 11:12:


1Corinzi 13:8

L'amore non viene mai meno; ma le profezie saranno abolite, le lingue cesseranno e la conoscenza sarà abolita,




Cosa significa, in questo caso "LA CONOSCENZA SARÀ ABOLITA"?

Ci sarà un momento che i servitori di Dio diverranno ignoranti?

quando?

è possibile?

oppure a cosa si riferiva, esattamente, Paolo?

E SOPRATUTTO...

COME CONCILIARE 1 CORINZI 13:18 CON DANIELE 12:4???


LA VERA CONOSCENZA DIVERRÀ ABBONDANTE”, prediceva il libro biblico di Daniele. Quando sarebbe accaduto questo? Durante il “tempo della fine”. (Daniele 12:4)



e ancora...

COME CONCILIARE 1 CORINZI 13:18 CON DANIELE 12:4 E CON APOCALISSE (RIVELAZIONE) IN MERITO A QUESTI PRODIGI, OPERE POTENTI, MIRACOLI...

paragonando i doni dello spirito (che sono cessati) con analoghi prodigi e opere potenti simili, ma sostanzialmente diversi, riferiti in Apocalisse?


fonte: laparola.net

prodigi

in apocalisse (Nuova Diodati)

Questa espressione appare in 4 versetti:

Apocalisse 13:13

E faceva grandi prodigi, facendo persino scendere fuoco dal cielo sulla terra in presenza degli uomini,

Ap 13:13 in tutte le versioni Mostra capitolo

Apocalisse 13:14

e seduceva gli abitanti della terra per mezzo dei prodigi che le era dato di fare davanti alla bestia, dicendo agli abitanti della terra di fare un'immagine alla bestia, che aveva ricevuto la ferita della spada ed era tornata in vita.

Ap 13:14 in tutte le versioni Mostra capitolo

Apocalisse 16:14

Essi infatti sono spiriti di demoni che fanno prodigi e vanno dai re della terra e del mondo intero, per radunarli per la guerra del gran giorno di Dio Onnipotente.

Ap 16:14 in tutte le versioni Mostra capitolo

Apocalisse 19:20

Ma la bestia fu presa e con lei il falso profeta che aveva fatto prodigi davanti ad essa, con i quali aveva sedotto quelli che avevano ricevuto il marchio della bestia e quelli che avevano adorato la sua immagine; questi due furono gettati vivi nello stagno di fuoco che arde con zolfo.





[SM=g2037509]

se 2+2 fà 4...
10/05/2017 11.53
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Re:
barnabino, 10/05/2017 11.34:

Dipende proprio da cosa si intende per conoscenza in questo contesto, la conoscenza di Dio? Delle Scritture? Un accesso diretto alla conoscenza posseduto da alcuni discepoli in modo sovrannaturale? Una conoscenza parziale che sarebbe stata sostituita da quella completa che oggi possediamo grazie a "tutta la parola" ispirata?

Shalom


Barnabino per conoscenza Paolo intende appunto le cose di Dio che riguarda tutta la vita spirituale dell'uomo. LA Bibbia serve proprio a questo scopo e senza il dono dell'intelletto e conoscenza dello Spirito la puoi leggere quanto vuoi senza capirci nulla.

Non capisco perché continuate a dire che i discepoli avessero una conoscenza miracolosa. Per un cristiano tutto è miracoloso dato che non può certo contare solo sulle sue capacità mentali per appunto leggere la Bibbia. Paolo in 1 Cor.12:3 dice che nessuno può dire che Gesù è il Signore se non sotto l'azione dello Spirito Santo.
10/05/2017 11.55
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Re: Re:
(SimonLeBon), 10/05/2017 11.52:



Devresti meglio dire: "Non capisco" e non "Non si capisce".
I "doni" erano caratteristici del periodo apostolico e scomparvero con loro.

O forse tu sei dell'idea che gli apostoli ebbero degli eredi e che il papa era il loro capo?

Simon


E allora sei un cristiano perso oggi, dato che senza il dono dell'intelletto proveniente dallo Spirito Santo non puoi capire la Bibbia.


10/05/2017 11.58
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 2.298
Età: 37
Paolo dice che i "doni provenenti dallo spirito di YAH" e concessi ai discepoli nel primo secolo sarebbero cessati...

La rivelazione di Gesù dice invece che miracoli simili, opere potenti, saranno FREQUENTI negli ultimi tempi...


come conciliare queste due affermazioni apparentemente contrastanti?

a che conclusioni possiamo arrivare, grazie all'intendimento concesso dall'Altissimo attraverso il suo spirito santo?

[SM=g1871112]
10/05/2017 12.01
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
I-gua perché ripeti sempre le stesse cose senza capire le mie obiezioni?
Non è vero che oggi i doni dello Spirito sono cessati perché senza questi dono non potremmo fare nulla di nostro in termini di azioni cristianamente approvate da Dio. La stessa fede è un dono dello Spirito (1 Cor. 12:9). Cosi diciamo quindi, che tutti i TdG non hanno fede perché i doni dello Spirito sono cessati? [SM=g10765]
Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 22.58. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com