printprintFacebook

IperCaforum il forum degli ipercafoni

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 7 8 | Pagina successiva
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

I casi Stefano Cucchi e Federico Aldrovandi : violati Diritti umani

Ultimo Aggiornamento: 22/04/2017 23.50
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 101.524
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
28/10/2009 17.09
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Uccisi da chi doveva custodirli

MUORE 31ENNE IN CARCERE.

[IMG]http://www.cnrmedia.com/DesktopModules/psf.News/Thumbnail/ste2OK.jpg[/IMG]

Cronaca

Morte sospetta in carcere. Dieci giorni fa Stefano Cucchi viene arrestato per possesso di un piccolo quantitativo di droga, entra nel carcere romano di Regina Coeli per non uscirne più:
il corpo del 31enne è coperto di lividi, ha il volto tumefatto, i genitori sono sconvolti, non hanno avuto neppure la possibilità di vederlo nei giorni dell'agonia, quando era ricoverato nel reparto detentivo dell'ospedale Pertini.

"Voglio sottolineare il fatto che quando mio fratello è uscito di casa coi carabinieri dopo la perquisizione della sua abitazione stava bene e camminava con le sue gambe e non aveva nessun segno sul viso
- sottolinea a CNRmedia Ilaria, sorella di Stefano Cucchi - la mattina dpo c'è stato il processo per direttissima e mio padre ha visto che Stefano aveva il viso gonfio.
Ai miei genitori è stato comunicato il sabato successivo che mio fratello era stato ricoverato in ospedale, per tre giorni non li hanno fatti entrare, prima dicendo che non c'era l'autorizzazione del carcere, poi che non c'erano i medici.

L'epilogo giovedì: intorno alle 12.30 i carabinieri si presentano a casa di mia madre per notificarle il decreto del pm per l'incarico del consulente d'ufficio per l'autopsia per il decesso di mio fratello.
Così i miei genitori scoprono che Stefano è morto, all'alba.
Mio fratello sapeva che stava morendo, aveva chiesto anche una Bibbia.
Ci hanno vietato di stargli accanto, non ci hanno spiegato cos'è successo e perché è morto.
Ora lo Stato ci deve rispondere ".


"Siamo cauti, aspettiamo che la magistratura faccia le sue indagini, collaborando con la polizia penitenziaria e si farà chiarezza sul caso - spiega a CNRmedia.com Donato Capece, Segretario Generale del SAPPE sindacato agenti polizia penitenziaria- La polizia penitenziaria è garante dell'incolumità fisica dei detenuti, ma bisogna tenere presente che siamo in una situazione emergenziale, dove le carceri scoppiano e sicuramente, man mano che si restringono gli spazi, aumentano i problemi della convivenza dei detenuti".
Una rissa fra detenuti, quindi ipotizza il dottor Capece, ma allora come si fa a condurre un'indagine fra galeotti?
"Ci sono molti detenuti che collaborano e se qualcuno ha visto, parlerà" non è rischioso rientrare in cella dopo aver fatto la spia?
"No, perché la polizia carceraria ha il potere di controllare chi l'aiuta", se è così, dovrebbe essere anche in grado di evitare un pestaggio mortale: "No, perché c'è il sovraffollamento: una guardia controlla 100 detenuti, è impossibile vigilare su tutto e comunque aspettiamo le indagini".

Di diverso avviso l´avvocato Fabio Anselmo che si occupa del caso e che ne ha già seguiti due simili: quello di Federico Aldrovandi, a Ferrara e di Riccardo Rasman a Trieste: "Se si fosse trattato di una rissa fra detenuti dovrebbero esserci dei detenuti arrestati e degli indagati.
Noi non diciamo che siano state le guardie carcerarie, mi risulta che il direttore del carcere abbia detto che il ragazzo stava già male quando è entrato
- spiega il legale a CNRmedia.com -
Noi ci chiediamo perché un ragazzo di 31 anni viene affidato allo Stato in regime custodiale, quindi è in una situazione di minorata difesa ed è in totale balia dello Stato, dato che al momento dell'arresto si perde la libertà personale e lo Stato ha un completo obbligo di tutela, entri un buona salute e ne esca morto.

E poi ci chiediamo perché ai familiari è stato impedito di sapere nulla e, siccome è morto dopo diversi giorni in ospedale, perché gli è stato negato di vedere in punto di morte la sorella e i familiari più stretti".


Si tratta di un reato, conferma il garante dei diritti dei detenuti del Lazio, Angiolo Marroni: "Aver impedito ai genitori di far visita al figlio moribondo è un reato ed è di una gravità estrema - ribadisce a CNRmedia.com - E' previsto dall'ordinamento che si consenta ai parenti di visitare il malato anche quando è in stato di detenzione e se gli è stato vietato per evitare che possa parlare e raccontare quello che gli è successo, è un reato di occultamento.

Gli è stato proibito di denunciare i suoi aggressori".

In questi casi come si muove: "Trasferisco tutti i dati alla magistratura, sia in presenza di un reato, ma anche nell'ipotesi di un reato".
Ma com'è morto Stefano Cucchi? "In effetti non si sa, il referto dell'autopsia non c'è ancora - spiega l'avvocato Anselmo - non abbiamo avuto l'autorizzazione a fare le foto al cadavere, i genitori non hanno potuto parlare neppure con un medico dell'ospedale. Il corpo non presenta lesioni vitali, ci sono segni di traumi, ha due vertebre fratturate non consequenziali, una lombare e una sacrale, avrebbe avuto perdite di sangue dalla schiena e il volto tumefatto, raccontano i familiari che l'hanno visto per il riconoscimento all'obitorio".

Francesca Sassoli

CNRmedia 27/10/09


Altre fonti:

Dazebao - Roma. Detenuto muore al Pertini in circostanze misteriose
Mercoledì 28 Ottobre 2009 15:54


RaiNews24 - Morte sospetta a seguito di un fermo di polizia

[Modificato da Etrusco 28/10/2009 21.25]

_________________

[IMG=http://im3.freeforumzone.it/up/32/28/2034614068.jpg][IMG=http://im3.freeforumzone.it/up/32/42/1231736844.jpg]
Non condivido le tue idee, ma darei la vita per vederti sperculeggiare quando le esporrai.
Cervelli diversamente abili Oasi Forum61 pt.16/12/2017 02.10 by Tommaso.69
Calciomercato 2017-18blog191255 pt.15/12/2017 19.08 by GiorgioG.76
Banca Etruria: "Rapporti incestuosi"39 pt.15/12/2017 20.23 by Etrusco
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 101.550
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
28/10/2009 20.27
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

La morte di Stefano Cucchi necessita risposte
di Patrizio Gonnella e Luigi Manconi

La morte di Stefano Cucchi avvenuta all’ospedale Pertini (reparto detentivo) richiede un immediato chiarimento. Trentunenne, di corporatura esile, arrestato pare per modesto possesso di droga il 16 ottobre scorso. Al momento dell’arresto da parte dei carabinieri, secondo quanto riferito dai familiari, stava bene, camminava sulle sue gambe, non aveva segni di alcun tipo sul viso.

La mattina seguente, all'udienza per direttissima, il padre nota tumefazioni al volto e agli occhi.
Non viene inviato agli arresti domiciliari, eppure i fatti contestati non sono di particolare gravità.

Dal carcere viene disposto il ricovero all’ospedale Pertini. Pare per “dolori alla schiena”.
Ai genitori non è consentito di vedere il figlio.
L’autorizzazione al colloquio giunge per il 23 ottobre ma è troppo tardi perché Stefano Cucchi muore la notte tra il 22 e il 23 ottobre.
I genitori rivedono il figlio per il riconoscimento all’obitorio e si trovano di fronte a un viso devastato.
Ai consulenti di parte è stata negata la possibilità di fare le fotografie di quel viso.

Una morte tragica, sospetta che richiede risposte
dalla magistratura, dall’amministrazione penitenziaria,
dai carabinieri, dai medici del Pertini e dalla Asl competente.

Poniamo noi alcune domande e vorremmo che ci fossero le risposte:

1) Che traumi presentava Stefano Cucchi e chi glieli aveva provocati?

2) Perché è stato ricoverato all’ospedale Pertini?

3) La morte è dipesa dalle possibili violenze subite?

4) Perchè ai genitori è stato impedito di incontrare il figlio per 6 lunghi giorni?

5) Perché non gli sono stati concessi gli arresti domiciliari neanche fosse il più efferato criminale?

6) Perché non vengono rese pubbliche le foto del viso tumefatto

posto che in Italia capita spesso che i verbali degli interrogatori a base di inchieste importanti vengono immediatamente trascritti sui giornali?



(26 ottobre 2009)
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 101.737
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
31/10/2009 10.37
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Lividi e ferite sul cadavere.
l'Osapp: «Arrivò così a Regina Coeli».
Min.La Russa difende i Carabinieri (presunti assassini)

Caso Cucchi, è polemica
I PM indagano per omicidio
Omicidio preterintenzionale il reato ipotizzato.
Appelli bipartisan sul giovane morto dopo l'arresto: «Verità»


[IMG]http://www.corriere.it/Media/Foto/2009/10/30/STEFANO--140x180.JPG[/IMG] Stefano Cucchi
...
«LE OMBRE UCCIDONO» - «Il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha perso una buona occasione per tacere»
è la replica del segretario del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria, Donato Capece.
«Ha detto che non ha elementi per dire come andarono i fatti connessi all'arresto di Stefano Cucchi, però sostiene che l'intervento dei carabinieri è stato corretto. Su quale basi lo dice? Chi sarebbe stato scorretto, allora?» chiede Capece.
Sulla stessa linea Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp, il secondo sindacato della polizia penitenziaria, secondo il quale, «secondo fonti attendibili, Stefano sarebbe arrivato a Regina Coeli direttamente dal tribunale già in quelle condizioni, e accompagnato da un certificato medico che ne autorizzava la detenzione, come di solito si fa in questi casi».
L'Osapp protesta con Michele Santoro, per come è stato trattato il caso ad Annozero.
«Quali rappresentanti di un'istituzione autorevole che qualcuno tenta di annientare strumentalizzando il "caso" - prosegue Beneduci - siamo disgustati da una vicenda grave che sta via via assumendo le fattezze di un fatto politico e che rischia di disonorarci:
come per il caso Bianzino, il caso Aldovrandi».

«TROPPI SILENZI» -
Netta la presa di posizione la Camera penale di Roma:
«Non può essere consentito, non può semplicemente accadere, che Stefano Cucchi abbia potuto subire una fine così orrenda mentre era sotto la tutela prima della polizia giudiziaria che lo ha tratto in arresto; poi del pubblico ministero del giudice e del suo difensore di ufficio nel corso della udienza di convalida; poi ancora della direzione del carcere di Regina Coeli; poi dei medici del penitenziario e quelli del reparto controllato all’ospedale Sandro Pertini». «Lo scandalo
- scrive in una nota l’organismo di rappresentanza degli avvocati, presieduto da Giandomenico Caiazza - è che questo ragazzo abbia subito questo pestaggio mortale, con segni orrendamente evidenti sul corpo e sul volto, senza che nessuno di coloro che hanno avuto contatto con lui abbia sentito - a quanto risulta a tutt’oggi - il dovere innanzitutto morale di conoscere la verità, e comunque di segnalare immediatamente e con forza la evidenza dei fatti».

«VERITA' E LEGALITA'» -
«Verità» è la parola d'ordine usano da molti in queste ore. «Verità. Naturalmente verità. Verità e legalità per tutti, ma proprio tutti: in fondo è semplice» si legge in un corsivo di Ffwebmagazine, il periodico online della Fondazione Farefuturo presieduta da Gianfranco Fini, all'indomani della pubblicazione voluta dalla famiglia del giovane deceduto delle foto del cadavere:
«Uno Stato democratico non può nascondersi dietro la reticenza degli apparati burocratici
Perché verità e legalità devono essere "uguali per tutti", come la legge.
Non è possibile che, in uno Stato di diritto, ci sia qualcuno per cui questa regola non valga: fosse anche un poliziotto, un carabiniere, un militare, un agente carcerario o chiunque voi vogliate.
Non può esistere una "terra di mezzo" in cui si consente quello che non è consentito,
in cui si difende l'indifendibile,
in cui la responsabilità individuale va a farsi friggere in nome di un "codice" non scritto che sa tanto, troppo, di omertà tribale».


«Nell'esprimere tutto il mio cordoglio alla famiglia del giovane Stefano Cucchi in questo momento di profondo lutto e di terribile dolore, auspico vivamente che da parte di tutti i soggetti coinvolti si impieghi il massimo sforzo nel fare chiarezza al più presto sull'intera vicenda» è l'auspiscio del Ministro della Gioventù, Giorgia Meloni.

«VIA LE SCHEGGE DEVIATE» -
Anche dall'opposizione si sono levate voci contro quanto accaduto.
Per Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del PD, le foto del corpo di Cucchi «orribilmente deturpato da evidenti percosse, destano orrore». «Il governo deve fare tutto quanto in suo potere perchè si arrivi presto a conoscere la verità su questa vicenda umana sconcertante e per ora misteriosa».
«Lo Stato non può avere paura di se stesso- sottolinea invece Luigi De Magistris, europarlamentare dell'IdV -, non può temere di individuare e punire quei corpi estranei e parassitari che pure ci sono al suo interno, tra le forze dell'ordine che svolgono un lavoro prezioso per il Paese.
Identificare e allontanare queste schegge deviate è l'unica risposta per garantire la fiducia dei cittadini verso le istituzioni e la giustizia, oltre che per proteggere la credibilità di quanti operano con coraggio per la sicurezza comune fornendo un servizio prezioso a noi tutti».

L'APPELLO A NAPOLITANO - «Presidente Napolitano, le foto diffuse ieri coraggiosamente dalla famiglia di Stefano Cucchi meritano verità e giustizia» chiedono infine in un appello inviato al capo dello Stato i giovani della Fgci, l'organizzazione giovanile del Pdci, e dei Giovani Comunisti del Prc.
«Gli italiani, tutti, hanno bisogno di avere fiducia nelle forze dell'ordine e nel rispetto della legalità da parte di chi è chiamato a far sì che non venga mai violata»
dice Marina Sereni, vicepresidente dei deputati PD.


Fonte: Corriere della Sera - 30 ottobre 2009


_____________________________________________________________________




L'ispettore dei cappellani delle carceri:
"Stefano non è caduto dalle scale"


News:
- Cucchi, pm: omicidio preterintenzionale
Mobilitazione per la verità e polemiche


Approfondimenti:
- Il padre di Stefano: lotterò fino all'ultima goccia di sangue per sapere la verità
- Don Ciotti: ripensare al sistema carcerario
- Caso Cucchi, la madre di Aldrovandi: "Chiarezza subito!"
- Dossier Morire di carcere: 146 decessi nel 2009


ROMA (30 ottobre) - Il caso di Stefano Cucchi, il giovane morto in carcere a Regina Coeli a 6 giorni dall'arresto
e trovato con il corpo martoriato, dice chiaramente che «c'è stata una superficialità collettiva».

Monsignor Giorgio Caniato, ispettore dei cappellani
: «bisognerà fare luce su una grave vicenda che si doveva evitare»,
parlando con l'Adnkronos, non può ignorare le immagini del giovane morto dietro le sbarre.
«Le botte gliele hanno date sul serio e anche forte.
Non è certamente caduto dalle scale».


Avendo alle spalle tanti anni di lavoro con i carcerati di San Vittore, monsignor Caniato può fare alcune supposizioni:
«il ragazzo è stato picchiato per un motivo specifico.
Potrebbe essersi trattato di un regolamento di conti e la mia è solo una supposizione o per un motivo di puro istinto.
Si può pensare a tutto, ma certamente c'è stata una superficialità collettiva - ribadisce l'ispettore dei cappellani -
Una certa responsabilità della struttura ci deve essere».

Fonte: Il Messaggero 30 10 2009


[IMG]http://www.lastampa.it/redazione/cmssezioni/cronache/200910images/cucchi01g.jpg[/IMG] L'immagine del corpo martoriato di Stefano Cucchi diffusa dalla famiglia

[IMG]http://media.libero.it/c/img52/fg/17/17647/2009/10/2.jpg[/IMG]
E "morto da solo" [SM=x44465]
dopo una trafila attraverso i medici del Palazzo di Giustizia, quelli del carcere di Regina Coeli e dell'ospedale Fatebenefratelli e conclusa al "Sandro Pertini"
senza che la famiglia potesse mai riuscire a visitarlo
Fonte: Ansa



[IMG]http://www.tgcom.mediaset.it/bin/216.$plit/orig_C_0_fotogallery_6134_listaorizzontale_foto_2_fotoorizzontale.jpg[/IMG]

Link all'articolo che porta in allegato le foto choccanti di Stefano Cucchia . . .
Fonte: CNR Media



Altre foto sull'articolo di TGCom . . . (LINK)


[Modificato da Etrusco 31/10/2009 10.50]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 4.144
Registrato il: 12/10/2001
Città: ROMA
Età: 42
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

31/10/2009 13.17
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

ma siamo in italia o nel cile di pinochet ? [SM=x44493] [SM=x44493] [SM=x44493]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102
Registrato il: 01/09/2009
Sesso: Femminile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaprincipiante.gif[/IMG]

31/10/2009 15.23
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re:
sperminator, 31/10/2009 13.17:

ma siamo in italia o nel cile di pinochet ? [SM=x44493] [SM=x44493] [SM=x44493]




In Italia!!!
Siamo in Italia, caro Sperminator.

Nel cile di Pinochet finivi così se eri "politicamente" di altra idea e ritenuto pericoloso per il regime.

Qua succede anche per venti, dico venti, grammi di erba (mica eroina, cocaina, crack, acidi o altre menate varie)!!!!!!

Il prossimo sarà una persona arrestata perchè giudava sotto l'influenza dell'alcool????

(che se deve pure de salutà?)
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 2.044
Registrato il: 12/09/2004
Città: TORINO
Età: 57
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

31/10/2009 15.34
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re:
sperminator, 31/10/2009 13.17:

ma siamo in italia o nel cile di pinochet ? [SM=x44493] [SM=x44493] [SM=x44493]


Il problema stà nel fatto che le mele marcie, dopo il caso Marrazzo non sono più 4, ma si stanno moltiplicando.
E sarebbe ora di finirla con questa figura di facciata, dove la stragrande maggioranza dei CC appare come un clone di Salvo D'aquisto. Sappiamo tutti che non è così, anzi temo che le mele sane siano in netta minoranza. La Russa è abituato a difendere l'indifendibile, fedele al suo clichè. Un vero ministro avrebbe promosso un'inchiesta rapida e rigorosa, dove eventuali colpevoli vengano individuati, condannati e allontanati ( per SEMPRE). Invece, stranamente, in questi casi, i nomi dei colpevoli vengono nascosti, in modo da poterli riabilitare, non appena passata la buriana.

_________________

[SM=x44522] IO NON L'HO VOTATO !


58TINO




OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 4.154
Registrato il: 12/10/2001
Città: ROMA
Età: 42
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

31/10/2009 16.59
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

quoto amaramente le risposte datemi da pretty e da 58tino .. pian piano le nostre liberta' individuali stanno scomparendo ( basti anche pensare a quell' assurdita' giuridica che e' la tessera del tifoso ) [SM=x44490] .. per non parlare dell' impunita' delle forse del DISordine .. [SM=x44492]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 38
Registrato il: 12/10/2009
Città: OPERA
Età: 67
Sesso: Maschile
[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaprincipiante.gif[/IMG]

04/11/2009 13.50
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

La Russa: "i Carabinieri sono stati corretti".
In effetti, da Pinelli in poi la sequenza corretta prevede: arresto, pestaggio a sangue, caduta dall'alto (meglio se da finestra).
Se oltre a corretti sono stati pure educati gli avranno fatto il saluto romano prima di pestarlo.
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 101.930
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
09/11/2009 18.13
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

BUFERA SUL sottosegretario.

L'IDV Insorge: «SI DIMETTA»

Giovanardi: «Cucchi drogato, è morto perché era sieropositivo, era anoressico»
«Era in carcere perché era uno spacciatore abituale».


La famiglia del ragazzo: «Non merita repliche»


NOTIZIE CORRELATE:
L'avvocato dei Cucchi: «Stefano non chiese di non informare i genitori»
(8 novembre 2009)
L'audio di Giovanardi a Radio 24
(9 novembre 2009)
AUDIO: Luigi Manconi: «Non gli fu consentito parlare con un avvocato»
(9 novembre 2009)

[IMG]http://www.corriere.it/Media/Foto/2009/11/09/giova--140x180.jpg[/IMG] Il sottosegretario Carlo Giovanardi

(Ansa)

ROMA - «Stefano Cucchi era in carcere perché era uno spacciatore abituale. Poveretto è morto, e la verità verrà fuori come, soprattutto perché era 42 chili».
Lo ha detto il sottosegretario Carlo Giovanardi, intervenuto a «24 Mattino» su Radio 24 per parlare di droga. Parlando di Cucchi, Giovanardi ha continuato:
«La droga ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente, poi il fatto che in cinque giorni sia peggiorato, certo bisogna vedere come i medici l'hanno curato.
Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così».


LA SORELLA REPLICA - Immediata la replica della sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, dai microfoni di Cnrmedia: «A Giovanardi che fa queste dichiarazioni a titolo gratuito, rispondo semplicemente che il fatto che Stefano avesse problemi di droga, noi non l'abbiamo mai negato, ma questo non giustifica il modo in cui è morto».
E conclude: «Non voglio aggiungere altro, la cosa che ha detto si commenta da sola».

I TEST - Giovanardi ha poi parlato dei test volontari antidroga che partono oggi per i parlamentari...

LA CARTELLA CLINICA - Intanto è on line, sui siti di www.abuondiritto.it www.italiarazzismo.it www.innocentievasioni.net la documentazione clinica di Cucchi.
«Non c'è alcun mistero sulla morte di Stefano Cucchi.
Può sembrare paradossale, ma tutto è documentato e leggibile negli atti», queste sono le parole del professor Luigi Manconi riferite dall'onorevole Giuseppe Giulietti dell'associazione Articolo21.
«E si tratta di un atto di accusa che non può essere ignorato, né dalle istituzioni, né dalla politica né, per quanto ci riguarda, dai media.
Per queste ragioni - prosegue Giulietti - l'associazione Articolo21 non solo ha deciso di riprendere la documentazione ma anche di chiedere a tutti i blog e a tutti i siti di linkare i video e la documentazione pubblicata.
Ci auguriamo, infine, che tutte quelle trasmissioni che hanno trovato il tempo e lo spazio per dedicare ore ed ore di trasmissioni ai delitti di Cogne, di Perugia, di Garlasco vogliano finalmente dedicare analoghe attenzione alla vergognosa vicenda di Cucchi
o a quella già dimenticata di Aldo Bianzino
o alla restituzione della memoria e della verità alla famiglia Aldrovanti di Ferrara, la cui vicenda per molto tempo fu circondata da un silenzio complice ed omertoso.
Comprendiamo che si tratti di "delitti più scomodi" e meno utilizzabili all'industria della paura ma non per questo si può fingere di non vedere, di non sentire e di non sapere».

IDV E PD - Le parole di Giovanardi hanno però scatenato immediatamente la reazione dell'opposizione. «Il sottosegretario Giovanardi si dovrebbe vergognare delle sue affermazioni, palesemente false, sulla morte di Stefano Cucchi.

Le sue parole sono sconcertanti e dimostrano che non ha rispetto per la verità dei fatti, per le istituzioni, per le forze dell'ordine e per il dolore della famiglia.
Per questo si deve dimettere»
ha sottolineato il capogruppo dell'Italia dei Valori alla Camera Massimo Donadi.

«Di fronte ad un caso come quello di Stefano Cucchi, su cui è indispensabile ed urgente fare chiarezza quanto prima, le parole del sottosegretario Giovanardi sono il peggio che certa politica possa esprimere al cospetto di una tragedia umana su cui gravano dubbi e sospetti di responsabilità esterne» ha sottolineato invece Roberto Giachetti del Pd.


Fonte: Corriere della Sera - 09 novembre 2009


[Modificato da Etrusco 09/11/2009 19.23]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 9.932
Registrato il: 10/03/2005
Città: PINEROLO
Età: 45
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

10/11/2009 10.32
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Primi indagati per il caso Cucchi

Per carabinieri e agenti penitenziari accusa di omicidio preterintenzionale
ROMA

Arrivano i primi indagati per la morte di Stefano Cucchi, avvenuta nell’ospedale Sandro Pertini, a Roma, sei giorni dopo l’arresto per possesso di droga. Gli indagati, accusati di omicidio preterintenzionale, dovrebbero essere carabinieri, agenti di polizia penitenziaria e detenuti. In tutto circa sei persone, che si sarebbero trovate in contatto con Stefano Cucchi nelle camere di sicurezza del Tribunale di Roma. In quel lasso di tempo e spazio dove sarebbe stato isolato l’attimo dell’aggressione: dopo l’udienza che aveva deciso di lasciare in carcere Stefano e prima del suo trasferimento in cella.

Tra gli indagati per ora non comparirebbero medici. E oggi approda on-line tutta la documentazione clinica relativa alla vicenda del geometra di 31 anni. Una documentazione dalla quale si evince che Stefano «non collaborava» col personale sanitario e rifiutava i trattamenti. Non solo: per fare luce la salma di Cucchi sarà probabilmente riesumata per consentire il completamento degli esami disposti. Sul cadavere del geometra è già stata fatta l’autopsia. E dai primi esami degli esami clinici e della documentazione autoptica compiuti dai medici legali incaricati dalla procura la tipologia delle lesioni riscontrate sul detenuto sono compatibili sia con un evento accidentale, come potrebbe essere una caduta, sia con le percosse. Al momento dunque non sarebbero coinvolti nelle indagini dei pm Vincenzo Barba e Francesca Loy il personale medico dell’ospedale, nei confronti dei quali, se emergessero responsabilità a livello di negligenze, si procederebbe per omicidio colposo.

Per i legali della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo e Dario Piccioni «si tratta di uno sviluppo particolarmente significativo e rilevante della delicata indagine in corso». Intanto oggi sono stati pubblicati on line sui siti abuondiritto.it, italiarazzismo.it e innocentievasioni.net, tutta la documentazione clinica a partire dal referto del medico del 118 delle 5.30 del 16 ottobre, fino ai diari sanitari del reparto detentivo del Pertini e al certificato di morte del 22 ottobre. Dalla relazione fatta il 21 ottobre scorso dall’ospedale Sandro Pertini emerge che Cucchi presentava «condizioni generali molto scadute» e aveva «un atteggiamento oppositivo, per nulla collaborante e di fatto rifiuta ogni indagine anche non invasiva». Nella relazione si legge, inoltre, che Cucchi «ha affermato di rifiutare anche di alimentarsi, accettando di bere liquidi e assumere la terapia orale, finchè non parlerà con il suo avvocato». Dalla documentazione «emerge come una moltitudine di operatori della polizia giudiziaria, del personale amministrativo e delle strutture sanitarie, abbiano assistito, inerti quando non complici, al declino fisico di Stefano Cucchi e fino alla morte», spiega il presidente di A Buon Diritto, Luigi Manconi.

Fonte

_________________

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo.

(Voltaire)

[IMG]http://im2.freeforumzone.it/up/20/24/1346683856.gif[/IMG] ma difendiamo anche la grammatica Italiana [IMG]http://im2.freeforumzone.it/up/20/24/1346683856.gif[/IMG]



[IMG]http://im1.freeforumzone.it/up/18/1/247668731.gif[/IMG]

Sai cosa scrivere? Allora posta!
Non sai cosa scrivere? Allora spamma!

[IMG] http://im0.freeforumzone.it/up/16/11/798984945.jpg [/IMG] <-- IO --> [IMG] http://im0.freeforumzone.it/up/16/76/248567704.jpg [/IMG]

I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac Man avesse influenzato la nostra generazione ora staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva."
(Kristian Wilson, Nintendo Inc., 1989)

Pochi anni dopo nacquero le feste rave, la musica techno e l'ecstasy...

[IMG]http://im0.freeforumzone.it/up/17/25/787350100.gif[/IMG] [IMG]http://im1.freeforumzone.it/up/19/78/415173902.gif[/IMG] [IMG]http://im0.freeforumzone.it/up/17/25/787350100.gif[/IMG]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102.023
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
10/11/2009 19.24
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota


Indagati anche i 4 carabinieri che lo arrestarono e i medici del reparto penitenziario

Parla un testimone: «Picchiato in cella»
Accusati di omicidio tre agenti penitenziari e tre detenuti


NOTIZIE CORRELATE:
L'avvocato dei Cucchi: «Stefano non chiese di non informare i genitori»
(8 novembre 2009)
L'audio di Giovanardi a Radio 24
(9 novembre 2009)
Giovanardi: ««Cucchi drogato, è morto perché anoressico»
(9 novembre 2009)

[IMG]http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2009/11/10/0KSRBJ2H--180x140.jpg[/IMG] Stefano Cucchi

Ci sono i primi sei indagati per la morte di Stefa­no Cucchi.

Omicidio preterin­tenzionale, questa è l’accusa ipotizzata dai pm della procura di Roma, Vincenzo Barba e Francesca Loy.
Sono tre agenti della polizia penitenziaria e tre detenuti che il 16 ottobre scor­so si trovavano con lui a piazza­le Clodio, nelle camere di sicu­rezza del tribunale, subito do­po l’udienza di convalida del­l’arresto.

Un testimone ha raccontato a chi indaga di aver «sentito rumori» e aver vi­sto, parzialmente, «Cucchi ag­gredito in cella», dopo lo scop­pio di un parapiglia per futili motivi (il ragazzo aveva chiesto di andare in ba­gno).

Ma non è l’unica novità:

il commissario di polizia peniten­ziaria che sovrintendeva alle celle del tribunale di piazzale Clodio, Alfredo Proietti, capo della centrale operativa regio­nale, lascerà il posto nei prossi­mi giorni a un nuovo coman­dante, Costanzo Sacco, del re­parto di Frosinone.
Solo un ca­so?
Un normale avvicendamen­to? Le indagini dei magistrati avanzano «a 360 gradi».
Riguar­dano anche i 4 carabinieri re­sponsabili dell’arresto la notte tra il 15 e il 16 ottobre.
E poi i medici del reparto penitenzia­rio dell’ospedale Sandro Perti­ni dove Cucchi fu ricoverato il 17 ottobre e morì all’alba del 22.
I sanitari rischiano l’incrimi­nazione per omicidio colposo se verrà accertata l’inerzia nelle cure, malgrado il detenuto si ostinasse a rifiutarle.

Eppoi ecco il racconto di Giorgio Rocca, l’avvocato d’uf­ficio che la mattina del 16 otto­bre era in udienza con Cucchi.
Dice al Corriere: «Alle 13.15 di quel giorno mi congedai dal ra­gazzo. In aula l’avevo visto solo un po’ gonfio in faccia ma ave­vo pensato che fosse a causa del metadone, visto che faceva uso di droghe.
Sono assoluta­mente certo, però, che a quel­l’ora non aveva tutte le ecchi­mosi e i lividi che si vedono be­ne nelle foto segnaletiche scat­tate a Regina Coeli...».

Adesso, attenzione:
Cucchi entra in car­cere alle 15.45 del 16 ottobre e lì si sottopone ad immatricola­zione (foto comprese).

Ma se­condo il rapporto della polizia penitenziaria consegnato al mi­nistero della Giustizia, già alle 14.05, cioè appena una cin­quantina di minuti dopo che Cucchi e il suo avvocato si so­no salutati, il dottor Giovanni Battista Ferri dell’ambulatorio della città giudiziaria stila un certificato in cui c’è scritto che sul ragazzo «si rilevano lesioni ecchimotiche in regione palpe­brale... ».
Ancora:
il paziente «ri­ferisce dolore e lesioni alle re­gioni sacrale e agli arti inferio­ri...
evasivamente riferisce che le lesioni conseguono ad acci­dentale caduta per le scale, av­venuta ieri...».
Ieri?
In quei 50 minuti Cucchi è stato portato in cella di sicurezza, accompa­gnato dai carabinieri e conse­gnato alla Polpen e lì è rimasto in compagnia di altri detenuti destinati a Regina Coeli.
Secondo i pri­mi rilievi svolti dai periti della procura, diretti da Paolo Ar­barello, la tipologia delle lesioni riscon­trate sul ragazzo sa­rebbero compatibili sia con un evento accidentale, come potrebbe essere una caduta, sia con le percosse.
I legali della fami­glia, Fabio Anselmo e Dario Pic­cioni, ora chiedono che venga riesumata la salma per effettua­re una Tac.

Fonte: Corriere della Sera - Fabrizio Caccia, Lavinia Di Gianvito - 10 novembre 2009


_____________________________________________________________________


Ma se succede tutto questo in casa nostra con che autorità possiamo riempirci la bocca di diritti umani violati all'altro capo del mondo? [SM=x44473]

[SM=x44471]
[Modificato da Etrusco 10/11/2009 20.04]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 2.053
Registrato il: 12/09/2004
Città: TORINO
Età: 57
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

12/11/2009 17.17
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re:
Etrusco, 10/11/2009 19.24:


Indagati anche i 4 carabinieri che lo arrestarono e i medici del reparto penitenziario

Parla un testimone: «Picchiato in cella»
Accusati di omicidio tre agenti penitenziari e tre detenuti


NOTIZIE CORRELATE:
L'avvocato dei Cucchi: «Stefano non chiese di non informare i genitori»
(8 novembre 2009)
L'audio di Giovanardi a Radio 24
(9 novembre 2009)
Giovanardi: ««Cucchi drogato, è morto perché anoressico»
(9 novembre 2009)

[IMG]http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2009/11/10/0KSRBJ2H--180x140.jpg[/IMG] Stefano Cucchi

Ci sono i primi sei indagati per la morte di Stefa­no Cucchi.

Omicidio preterin­tenzionale, questa è l’accusa ipotizzata dai pm della procura di Roma, Vincenzo Barba e Francesca Loy.
Sono tre agenti della polizia penitenziaria e tre detenuti che il 16 ottobre scor­so si trovavano con lui a piazza­le Clodio, nelle camere di sicu­rezza del tribunale, subito do­po l’udienza di convalida del­l’arresto.

Un testimone ha raccontato a chi indaga di aver «sentito rumori» e aver vi­sto, parzialmente, «Cucchi ag­gredito in cella», dopo lo scop­pio di un parapiglia per futili motivi (il ragazzo aveva chiesto di andare in ba­gno).

Ma non è l’unica novità:

il commissario di polizia peniten­ziaria che sovrintendeva alle celle del tribunale di piazzale Clodio, Alfredo Proietti, capo della centrale operativa regio­nale, lascerà il posto nei prossi­mi giorni a un nuovo coman­dante, Costanzo Sacco, del re­parto di Frosinone.
Solo un ca­so?
Un normale avvicendamen­to? Le indagini dei magistrati avanzano «a 360 gradi».
Riguar­dano anche i 4 carabinieri re­sponsabili dell’arresto la notte tra il 15 e il 16 ottobre.
E poi i medici del reparto penitenzia­rio dell’ospedale Sandro Perti­ni dove Cucchi fu ricoverato il 17 ottobre e morì all’alba del 22.
I sanitari rischiano l’incrimi­nazione per omicidio colposo se verrà accertata l’inerzia nelle cure, malgrado il detenuto si ostinasse a rifiutarle.

Eppoi ecco il racconto di Giorgio Rocca, l’avvocato d’uf­ficio che la mattina del 16 otto­bre era in udienza con Cucchi.
Dice al Corriere: «Alle 13.15 di quel giorno mi congedai dal ra­gazzo. In aula l’avevo visto solo un po’ gonfio in faccia ma ave­vo pensato che fosse a causa del metadone, visto che faceva uso di droghe.
Sono assoluta­mente certo, però, che a quel­l’ora non aveva tutte le ecchi­mosi e i lividi che si vedono be­ne nelle foto segnaletiche scat­tate a Regina Coeli...».

Adesso, attenzione:
Cucchi entra in car­cere alle 15.45 del 16 ottobre e lì si sottopone ad immatricola­zione (foto comprese).

Ma se­condo il rapporto della polizia penitenziaria consegnato al mi­nistero della Giustizia, già alle 14.05, cioè appena una cin­quantina di minuti dopo che Cucchi e il suo avvocato si so­no salutati, il dottor Giovanni Battista Ferri dell’ambulatorio della città giudiziaria stila un certificato in cui c’è scritto che sul ragazzo «si rilevano lesioni ecchimotiche in regione palpe­brale... ».
Ancora:
il paziente «ri­ferisce dolore e lesioni alle re­gioni sacrale e agli arti inferio­ri...
evasivamente riferisce che le lesioni conseguono ad acci­dentale caduta per le scale, av­venuta ieri...».
Ieri?
In quei 50 minuti Cucchi è stato portato in cella di sicurezza, accompa­gnato dai carabinieri e conse­gnato alla Polpen e lì è rimasto in compagnia di altri detenuti destinati a Regina Coeli.
Secondo i pri­mi rilievi svolti dai periti della procura, diretti da Paolo Ar­barello, la tipologia delle lesioni riscon­trate sul ragazzo sa­rebbero compatibili sia con un evento accidentale, come potrebbe essere una caduta, sia con le percosse.
I legali della fami­glia, Fabio Anselmo e Dario Pic­cioni, ora chiedono che venga riesumata la salma per effettua­re una Tac.

Fonte: Corriere della Sera - Fabrizio Caccia, Lavinia Di Gianvito - 10 novembre 2009


_____________________________________________________________________


Ma se succede tutto questo in casa nostra con che autorità possiamo riempirci la bocca di diritti umani violati all'altro capo del mondo? [SM=x44473]

[SM=x44471]




Bisogna fare il possibile affinchè questa storia non finisca presto nel dimenticatoio. Perchè la vicenda del povero Cucchi non è certo un caso isolato. Non da oggi le forze dell'ordine usano metodi " non consoni ai regolamento" con detenuti ritenuti di basso rango.
Non si può accettare l'idea che se un nostro figlio,( ma non necessariamente) dovesse finire, magari casualmente, in questura dopo una retata, corra il rischio di non uscirne più.
Discorso a parte merita la dx, che ha dimostrato come sia rimasta ancorata ai vecchi schemi, secondo i quali un tossicodipendente non è degno di considerazione; un essere minore su cui è lecito sfogare le proprie frustazioni. E naturalmente le forze dell'ordine vanno difese e protette, a prescindere.


_________________

[SM=x44522] IO NON L'HO VOTATO !


58TINO




OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 7.370
Registrato il: 24/05/2007
Città: CREVALCORE
Età: 38
Sesso: Femminile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

[IMG=http://im0.freeforumzone.it/up/15/0/216825600.jpg]
13/11/2009 08.08
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re: Re:
58TINO, 12/11/2009 17.17:




Bisogna fare il possibile affinchè questa storia non finisca presto nel dimenticatoio. Perchè la vicenda del povero Cucchi non è certo un caso isolato. Non da oggi le forze dell'ordine usano metodi " non consoni ai regolamento" con detenuti ritenuti di basso rango.
Non si può accettare l'idea che se un nostro figlio,( ma non necessariamente) dovesse finire, magari casualmente, in questura dopo una retata, corra il rischio di non uscirne più.
Discorso a parte merita la dx, che ha dimostrato come sia rimasta ancorata ai vecchi schemi, secondo i quali un tossicodipendente non è degno di considerazione; un essere minore su cui è lecito sfogare le proprie frustazioni. E naturalmente le forze dell'ordine vanno difese e protette, a prescindere.




non è un caso unico no basti pensare al caso Aldrovandi di Ferrara (anche Grillo ha cercato di sensibilizzare su questo caso) ma il problema è che se per il caso Cucchi mettono a giudicare il Giudice che aveva Aldrovandi e che conosco purtroppo siamo a posto..Aldrovandi fu massacrato di botte da 4 poliziotti l'hanno ucciso a botte e lui ha dato loro 3 anni e con la condizionale attenuante della pena i 4 sono belli che liberi e lavorano ancora

_________________

[IMG=http://img120.imageshack.us/img120/6264/immagine091sp4.th.jpg][IMG=http://img373.imageshack.us/img373/8688/1000097di8.th.jpg]
Teo e Gaby Julio

L'AMORE E': Riconoscere tra tante la cacca della tua compagna!!!!



OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 960
Registrato il: 15/10/2008
Città: TERNI
Età: 53
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaveterano.gif[/IMG]

13/11/2009 10.16
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Questi casi purtroppo sono solo la punta di un iceberg!
Emergono solo in caso di morte di qualcuno e se poi la famiglia di questo qualcuno ha la forza e il coraggio di perseguire e andare avanti nella difficilissima ricerca della verità, ma sono quasi sempre una prassi mai resa nota abbastanza!!!

Molte delle ragioni di base di questo comportamento da polizia fascista delle nostre forze dell'ordine (specie Carabinieri e Polizia) ha anche una spiegazione storico-culturale.

La cultura dello stato civile e demcratico è entrata a fatica nelle caserme, dove vige molto forte uno spirito fascista e fascistoide della vita sociale.

Law & Order a tutti i costi, anche e soprattutto i meno leciti.

Tutto ciò perchè, al contrario di quanto accaduto in Germania, dove gli ex ufficiali e aguzzini nazisti sono stati o giustiziati o messi fuori dalla vita civile del dopoguerra, i nostri bravi gerarchi, galoppini, picchiatori dell'era fascista, sono stati imboscati e reintegrati (con ripulitura e risciacquo morale)nelle viscere del nuovo Stato democratico e moltissimi di loro si sono ritrovati nelle fila di Carabinieri e Polizia, mantenendo viva però quella pseudo-cultura fatta di sopruso e allergia alle regole denmocratiche e al rispetto di diritti civili, tramandando alle successive leve la stessa visione contorta della società! [SM=x44465]
[Modificato da +tag+ 13/11/2009 10.20]

_________________

Voi gridavate cose orrende e violentissime e voi siete imbruttiti. Io gridavo cose giuste e ora sono uno splendido quarantenne.

La situazione è grave, ma non è seria! (E.Flaiano)

"Sa cosa stavo pensando? Io stavo pensando una cosa molto triste....cioè che io, anche in una società più decente di questa, mi troverò sempre con una minoranza di persone, ma non nel senso di quei film dove c'è un uomo e una donna che si odiano, si sbranano su un'isola deserta perchè il regista non crede nelle persone....io CREDO nelle persone, però non credo nella MAGGIORANZA delle persone. Mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza......"

Le donne ci amano per i nostri difetti. Se ne abbiamo abbastanza, ci perdonano tutto, anche la nostra intelligenza (O. Wilde)


OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 46
Registrato il: 12/10/2009
Città: OPERA
Età: 67
Sesso: Maschile
[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaprincipiante.gif[/IMG]

13/11/2009 13.57
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Caso Cucchi: c'è un testimone.
Ma è molto molto magro....per garantirne l'anominato gli è stato dato il nome in codice "Dillinger".
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102.167
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
13/11/2009 17.35
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

kikkateo11, 13/11/2009 8.08:


non è un caso unico no basti pensare al caso Aldrovandi di Ferrara (anche Grillo ha cercato di sensibilizzare su questo caso) ma il problema è che se per il caso Cucchi mettono a giudicare il Giudice che aveva Aldrovandi e che conosco purtroppo siamo a posto..Aldrovandi fu massacrato di botte da 4 poliziotti l'hanno ucciso a botte e lui ha dato loro 3 anni e con la condizionale attenuante della pena i 4 sono belli che liberi e lavorano ancora





Queste barbarie nelle nostri carceri si registrano sempre più spesso,
anche l'anno scorso a Perugia, Bianzino,
e pochi gg. fa un altro caso simile a Parma [SM=x44468]
Spero che non ci sia più bisogno di arrivare dal giudice per condannare gli aguzzini, ma che si possa risolvere il problema proprio alla radice [SM=x44465]


Per la cronaca:

Carceri - Al «Pertini» nessuno chiamò il rianimatore
Cucchi, 10 indagati: anche i medici nel mirino
Altri detenuti raccontano: "E' stato picchiato in tribunale"


[IMG]http://www.corriere.it/Media/Foto/2009/11/13/CUC--180x140.JPG[/IMG] Stefano Cucchi con il padre

(Emmevi)

ROMA — Nel momento cruciale, quando il cuore di Stefano Cucchi si è fermato, la mattina del 22 ottobre, al Pertini non hanno chiamato il rianimatore.
Una brutta pagina per il reparto di medicina penitenziaria dell'ospedale romano
, stando a quanto emerso ieri dalle audizioni della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul SSN, presieduta da Ignazio Marino.
Un’incuria che fa dire alla senatrice Donatella Poretti, membro della commissione: «Cucchi è morto anche di malasanità».

L'ipotesi che più cause abbiano contribuito alla fine del ragazzo è condivisa dalla procura, che oggi notificherà una decina di avvisi di garanzia
per consentire agli indagati di partecipare alla riesumazione del corpo.
I provvedimenti sarebbero destinati a medici del Pertini, agenti della polizia penitenziaria e, sembra, anche carabinieri.
I primi sono accusati di omicidio colposo, agenti e militari di omicidio preterintenzionale.

La ricostruzione del presunto pestaggio, tuttavia, è ancora confusa.
Diversi detenuti avrebbero riferito ai pm Vincenzo Barba e Francesca Loy che il giovane di 31 anni fu pestato nelle celle di sicurezza del tribunale.
Per i due immigrati più precisi nel racconto (anche se con dettagli diversi) i magistrati vogliono chiedere l’incidente probatorio, in modo che le loro testimonianze siano messe agli atti.
Il Dap intanto ha disposto la loro protezione e oggi il senatore dell’Idv Stefano Pedica li incontrerà a Regina Coeli.

Altri arrestati avrebbero invece spostato indietro le lancette. A loro, il 16 ottobre, Cucchi avrebbe confidato: «Guarda come mi hanno conciato ieri sera».
Parole che alludono, forse, all’arresto eseguito dai carabinieri.

La terza verità, poi, è quella riferita ai medici del Pertini: «Sono caduto dalle scale».
Ma con lui c’erano sempre agenti della penitenziaria.
Sono molti, dunque, i punti ancora oscuri. Per chiarirli la procura potrebbe acquisire le riprese della telecamera posta all’ingresso delle celle di sicurezza:
il filmato (se non è stato cancellato) svelerà se Cucchi, passando in quel punto, prima e dopo l’udienza, mostrava già dei segni sul corpo. I primi riscontri medico-legali peraltro dimostrerebbero che le lesioni dovute alla presunta aggressione non sono state letali: se questo risultato venisse confermato, il reato contestato verrebbe derubricato da omicidio preterintenzionale in lesioni.

Ieri la commissione d’inchiesta del senatore Marino ha interrogato 6 medici del reparto detenuti del Pertini:
il primario Aldo Fierro,
Rosita Caponetti,
Stefania Corbi,
Silvia Di Carlo,
Flaminia Bruno
e Luigi De Marchis Preite.

Secretati gli atti. Nell’audizione, durata cinque ore, sarebbero emerse contraddizioni fra le cartelle cliniche e la versione fornita dai sanitari.
C’è il dubbio che i controlli sul giovane siano stati superficiali: la prossima settimana i parlamentari potrebbero fare un sopralluogo al Pertini.
«È certo — sottolinea la senatrice Poretti— che nei vari ospedali nessuno si è fatto carico di Cucchi per davvero.
Bisognava curarlo, nessuno può morire di fame in 3 giorni.
Nei meccanismi di assistenza non ha funzionato quasi niente».


Corriere della Sera - Fabrizio Caccia, Lavinia Di Gianvito
13 novembre 2009


[SM=x44465]

[Modificato da Etrusco 14/11/2009 00.44]
OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102.242
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
17/11/2009 21.21
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Cucchi, sabato interrogato il testimone «Stefano mi disse che lo avevano menato»
Trasferiti i 3 agenti penitenziari indagati.
Ma il sindacato smentisce: «No trasferimento, sono in ferie»


dal Corriere della Sera:

ROMA - «Mi hanno menato questi stronzi». È una delle confidenze che il supertestimone sulla morte di Stefano Cucchi, il geometra morto il 22 ottobre scorso, una settimana dopo l'arresto. S.Y., 31 anni, un senegalese detenuto attualmente ospite in un centro di terapia per le tossicodipendenze, sostiene di aver avuto dal geometra romano il 16 ottobre scorso quando entrambi si trovavano nel tribunale di Roma per la convalida dei loro fermi. La frase è contenuta nella testimonianza resa a verbale ai pubblici ministeri che indagano sul decesso avvenuto il 22 ottobre nell'ospedale Sandro Pertini. Nell'incidente probatorio in programma sabato prossimo davanti al gip Luigi Fiasconaro, il testimone sarà chiamato a confermare non solo quella presunta confidenza, ma anche il resto del suo racconto: ossia di aver notato dallo spioncino della sua cella di sicurezza che alcuni agenti di polizia penitenziaria in divisa stavano prendendo a calci e pugni Cucchi, dopo averlo scaraventato in terra e trascinato nella cella, e di aver successivamente udito lamenti e altri rumori del presunto pestaggio. L'incidente probatorio era stato chiesto dalla procura «ritenuto che sussistono particolari ragioni d'urgenza» sia per il rischio di veder «pregiudicato il patrimonio di memoria visiva di cui il teste è portatore», sia perchè lo straniero «è persona senza fissa dimora e clandestino che se rimesso in libertà potrebbe facilmente far perdere le proprie tracce e/o far ritorno al Paese di origine, con conseguente rischio di futura irreperibilità, ovvero potrebbe subire pressioni psicologiche, finalizzate alla ritrattazione ovvero al mutamento delle precedenti dichiarazioni».

AGENTI TRASFERITI - L'inchiesta amministrativa del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria per far luce su eventuali responsabilità nella morte di Stefano Cucchi non si è ancora conclusa ma il Dap ha nel frattempo disposto il trasferimento dei tre agenti penitenziari indagati dalla procura di Roma per omicidio preterintenzionale. Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Dominici da oggi non prestano servizio presso il nucleo varchi del Tribunale di Roma, ma sono stati per il momento trasferiti in tre unità differenti: il nucleo aeroportuale di Fiumicino, il carcere minorile romano di Casal del Marmo, il nucleo operativo traduzioni di Rebibbia. Tecnicamente si tratta di un distacco dal nucleo del Tribunale di Piazzale Clodio e per motivi di opportunità, in attesa che si concluda l'inchiesta amministrativa disposta dal Capo del Dap, Franco Ionta e sarebbe stato deciso dal provveditore regionale alle carceri del Lazio. Il Sappe, però, il sindacato autonomo degli agenti penitenziari fornisce una versione discordante: non sono stati trasferiti, ma sono in congedo per ferie: lo sottolinea il segretario Donato Capece. «I tre agenti - spiega Capece - non sono stati né trasferiti né allontanati, sono in normale congedo per ferie, consigliati dal loro stesso comandante per recuperare lo stress psico fisico di questi giorni. Sono ragazzi sereni, non hanno fatto niente, si sta strumentalizzando la vicenda». Chiarisce Diego Perugini, l'avvocato di uno dei tre, Minichini: «Non sono stati trasferiti d'ufficio, ma hanno chiesto di essere distaccati per motivi di opportunità».

COMMISSIONE MARINO - E giovedì mattina, l'ufficio di presidenza della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale deciderà se effettuare un nuovo sopralluogo nel carcere romano di Regina Coeli e nel reparto detenuti dell'ospedale Sandro Pertini, dove è stato detenuto e successivamente ricoverato Stefano Cucchi. Cucchi. Lo ha reso noto il presidente della Commissione, Ignazio Marino, al termine dell'audizione di Giovanni Battista Ferri, il sanitario operante nell'ambulatorio della Città giudiziaria di Roma. Sul contenuto delle sue dichiarazioni non è trapelato nulla. Il dottor Ferri, uscendo dall'aula, ha detto: «Mi hanno fatto solo domande tecniche». Il presidente della Commissione, il senatore Ignazio Marino, ha confermato la secretazione degli atti dell'inchiesta «fino al termine delle indagini». La necessità indicata è quella di sentire medici e infermieri che hanno avuto un «contatto fisico» con Cucchi. Intanto è stato anche confermato che, alla riesumazione della salma di Cucchi - prevista per il 23 novembre - e al successivo esame della stessa, sarà presente il professore Vincenzo Pascali, direttore dell'Istituto di medicina legale de Policlinico Gemelli di Roma, quale consulente della Commissione. Mercoledì è in programma l'audizione di un'infermiera del reparto di medicina penitenziaria del carcere di 'Regina Coeli, Gricelda Olivares.


17 novembre 2009
roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/09_novembre_17/cucchi_agenti_trasferiti-16020229964...


OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102.279
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
18/11/2009 14.16
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota


1) L'ERA GLACIALE
- Ospite da Daria Bignardi ILARIA, SORELLA DI STEFANO CUCCHI - picchiato a morte in carcere
13/11/09
da YouTube
Categoria: Notizie e politica





2) L'ERA GLACIALE - Daria Bignardi intervista Ilaria Cucchi
13/11/09






3) L'ERA GLACIALE - Daria Bignardi intervista Ilaria Cucchi
13/11/09





[SM=x44466] [SM=x44471]

OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 2.057
Registrato il: 12/09/2004
Città: TORINO
Età: 57
Sesso: Maschile

Utente Power

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinagranscassa.gif[/IMG]

18/11/2009 15.42
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re:
Etrusco, 17/11/2009 21.21:

Cucchi, sabato interrogato il testimone «Stefano mi disse che lo avevano menato»
Trasferiti i 3 agenti penitenziari indagati.
Ma il sindacato smentisce: «No trasferimento, sono in ferie»


dal Corriere della Sera:

ROMA - «Mi hanno menato questi stronzi». È una delle confidenze che il supertestimone sulla morte di Stefano Cucchi, il geometra morto il 22 ottobre scorso, una settimana dopo l'arresto. S.Y., 31 anni, un senegalese detenuto attualmente ospite in un centro di terapia per le tossicodipendenze, sostiene di aver avuto dal geometra romano il 16 ottobre scorso quando entrambi si trovavano nel tribunale di Roma per la convalida dei loro fermi. La frase è contenuta nella testimonianza resa a verbale ai pubblici ministeri che indagano sul decesso avvenuto il 22 ottobre nell'ospedale Sandro Pertini. Nell'incidente probatorio in programma sabato prossimo davanti al gip Luigi Fiasconaro, il testimone sarà chiamato a confermare non solo quella presunta confidenza, ma anche il resto del suo racconto: ossia di aver notato dallo spioncino della sua cella di sicurezza che alcuni agenti di polizia penitenziaria in divisa stavano prendendo a calci e pugni Cucchi, dopo averlo scaraventato in terra e trascinato nella cella, e di aver successivamente udito lamenti e altri rumori del presunto pestaggio. L'incidente probatorio era stato chiesto dalla procura «ritenuto che sussistono particolari ragioni d'urgenza» sia per il rischio di veder «pregiudicato il patrimonio di memoria visiva di cui il teste è portatore», sia perchè lo straniero «è persona senza fissa dimora e clandestino che se rimesso in libertà potrebbe facilmente far perdere le proprie tracce e/o far ritorno al Paese di origine, con conseguente rischio di futura irreperibilità, ovvero potrebbe subire pressioni psicologiche, finalizzate alla ritrattazione ovvero al mutamento delle precedenti dichiarazioni».

AGENTI TRASFERITI - L'inchiesta amministrativa del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria per far luce su eventuali responsabilità nella morte di Stefano Cucchi non si è ancora conclusa ma il Dap ha nel frattempo disposto il trasferimento dei tre agenti penitenziari indagati dalla procura di Roma per omicidio preterintenzionale. Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Dominici da oggi non prestano servizio presso il nucleo varchi del Tribunale di Roma, ma sono stati per il momento trasferiti in tre unità differenti: il nucleo aeroportuale di Fiumicino, il carcere minorile romano di Casal del Marmo, il nucleo operativo traduzioni di Rebibbia. Tecnicamente si tratta di un distacco dal nucleo del Tribunale di Piazzale Clodio e per motivi di opportunità, in attesa che si concluda l'inchiesta amministrativa disposta dal Capo del Dap, Franco Ionta e sarebbe stato deciso dal provveditore regionale alle carceri del Lazio. Il Sappe, però, il sindacato autonomo degli agenti penitenziari fornisce una versione discordante: non sono stati trasferiti, ma sono in congedo per ferie: lo sottolinea il segretario Donato Capece. «I tre agenti - spiega Capece - non sono stati né trasferiti né allontanati, sono in normale congedo per ferie, consigliati dal loro stesso comandante per recuperare lo stress psico fisico di questi giorni. Sono ragazzi sereni, non hanno fatto niente, si sta strumentalizzando la vicenda». Chiarisce Diego Perugini, l'avvocato di uno dei tre, Minichini: «Non sono stati trasferiti d'ufficio, ma hanno chiesto di essere distaccati per motivi di opportunità».

COMMISSIONE MARINO - E giovedì mattina, l'ufficio di presidenza della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale deciderà se effettuare un nuovo sopralluogo nel carcere romano di Regina Coeli e nel reparto detenuti dell'ospedale Sandro Pertini, dove è stato detenuto e successivamente ricoverato Stefano Cucchi. Cucchi. Lo ha reso noto il presidente della Commissione, Ignazio Marino, al termine dell'audizione di Giovanni Battista Ferri, il sanitario operante nell'ambulatorio della Città giudiziaria di Roma. Sul contenuto delle sue dichiarazioni non è trapelato nulla. Il dottor Ferri, uscendo dall'aula, ha detto: «Mi hanno fatto solo domande tecniche». Il presidente della Commissione, il senatore Ignazio Marino, ha confermato la secretazione degli atti dell'inchiesta «fino al termine delle indagini». La necessità indicata è quella di sentire medici e infermieri che hanno avuto un «contatto fisico» con Cucchi. Intanto è stato anche confermato che, alla riesumazione della salma di Cucchi - prevista per il 23 novembre - e al successivo esame della stessa, sarà presente il professore Vincenzo Pascali, direttore dell'Istituto di medicina legale de Policlinico Gemelli di Roma, quale consulente della Commissione. Mercoledì è in programma l'audizione di un'infermiera del reparto di medicina penitenziaria del carcere di 'Regina Coeli, Gricelda Olivares.


17 novembre 2009
roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/09_novembre_17/cucchi_agenti_trasferiti-16020229964...





Pare che dalle foto del cadavere, risultino evidenti 5 bruciature provocate da sigaretta..., difficili da procurarsi CADENDO DALLE SCALE !!!
Strano che questi signori, se estranei alla vicenda, siano messi in ferie, per opportunità...


_________________

[SM=x44522] IO NON L'HO VOTATO !


58TINO




OFFLINE
Email Scheda Utente
Post: 102.362
Registrato il: 28/02/2002
Sesso: Maschile

AMMINISTRATORE
PRINCIPALE

[IMG]http://img1.freeforumzone.it/upload1/3981_faccinaipermegagran.gif[/IMG]

ADMIN
Monsignore
IperF1 2008
IperUTENTE 2010
Briscola IperCafonica 2012
19/11/2009 21.10
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Re: Re:
58TINO, 18/11/2009 15.42:



Pare che dalle foto del cadavere, risultino evidenti 5 bruciature provocate da sigaretta..., difficili da procurarsi CADENDO DALLE SCALE !!!
Strano che questi signori, se estranei alla vicenda, siano messi in ferie, per opportunità...






ma vedrai che quelli come Giovanardi non si faranno problemi a dire che son anche quelli conseguenza della droga, etc. [SM=x44474]


per la cronaca:

Cucchi: lunedi' nuovi esami disposti dalla Procura
19 Novembre 2009 19:03 CRONACHE

ROMA - E' stata riesumata oggi la salma di Stefano Cucchi, il 31enne morto il 22 ottobre scorso nell'ospedale Sandro Pertini di Roma. Gli esami autoptici svolti all'indomani del suo decesso non avevano dato risposte certe sulle cause della morte e la Procura ha chiesto una nuova consulenza tecnica. Il corpo di Cucchi e' stato portato nell'Istituto di Medicina legale dell'Universita' La Sapienza dove da lunedi' prossimo cominceranno gli esami medico-legali.
(RCD)

[SM=x44515]
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 7 8 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 02.35. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com

IperCaforum il forum degli ipercafoni e delle ipercafone